Wrongonyou svela la tracklist di "Milano parla piano"

Wrongonyou svela la tracklist di “Milano parla piano”

Il disco fuori questo venerdì
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Wrongonyou ha svelato la tracklist del suo nuovo album, “Milano parla piano”.

Nove le tracce nel disco che segnano il debutto in italiano del cantautore. Tra i brani i due singoli “Mi sbaglio da un po’” e “Solo noi due”. Poi “Atlante” prodotta da Dardust e la title track. Tra i produttori anche Fausto Cogliati, The Katoo (Francesco Catitti) e Antonio Filippelli.

Ecco nel dettaglio.

Il disco sarà disponibile da questo venerdì su tutte le piattaforme. “È stato bellissimo lavorare a questo album – ha scritto Wrongonyou, all’anagrafe Marco Zitelli, su Instagram – e ringrazio con tutto il cuore tutta la squadra che lo ha portato alla luce!”.

Wrongonyou e l’italiano

La sfida con la lingua madre di Wrongonyou nasce dal desiderio del cantautore di mettersi a nudo davanti al suo pubblico e comunicare le sue storie e le sue emozioni senza il filtro dell’inglese.

Un lavoro che ha portato Wrongonyou a scrivere i suoi primi pezzi in italiano, da solo o collaborando con alcuni dei più affermati autori e produttori italiani, senza perdere la cifra stilistica della sua timbrica e del suo sound tipicamente americano e nordeuropeo. Un cambio lingua che non lo snatura, ma che anzi lo porta a un livello successivo, introducendo nella voce sonorità elettroniche su testi in italiano.

Il tour

Wrongonyou porterà il disco live nelle prossime settimane. L’artista ha, infatti, annunciato l’Atlante Tour. Primo appuntamento il 20 novembre al Locomotiv di Bologna. Poi, in calendario, i maggiori club di tutta Italia. Nella foto le date (in aggiornamento) nel dettaglio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it