Tg Scuola - edizione dell'1 novembre

Tg Scuola – edizione dell’1 novembre

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Napoli, la ‘3 giorni per la scuola’ a Città della Scienza
“Quando la scuola esce dal proprio ambito tradizionale e si contamina, riuscendo a confrontarsi con altre esperienze, è di buono auspicio. A Città della Scienza siamo riusciti a farlo realizzando, a mio avviso, la nostra vera mission”. Queste le parole con le quali il presidente di Città della Scienza, Riccardo Villari, ha presentato alla Dire la ‘3 giorni per la scuola, hub 2019’. All’evento ha partecipato tutto il mondo della scuola: docenti, dirigenti e, soprattutto, studenti che hanno affollato l’area dedicata dello science centre nel giorno inaugurale. In sala Newton il taglio del nastro alla presenza delle istituzioni, con l’assessora all’Istruzione della Regione Campania Lucia Fortini e la direttrice generale dell’Ufficio scolastico regionale Luisa Franzese. Ma è la scuola e il suo futuro a prendersi il ruolo da protagonista con stand, workshop e attività di ogni tipo.

Matteo, studente-atleta: “Amo il rugby e studio anche di notte”
Matteo Antonelli, studente del liceo scientifico ‘Talete’ di Roma è un giocatore dell’Unione rugby capitolina. In un’intervista ci ha raccontato cosa significa essere studente-atleta.

‘Pensiamo fuori dalla scatola’ per sviluppare i talenti degli studenti
“Pensare fuori dalla scatola a scuola significa concentrarsi su ciò che è veramente importante nell’ambiente scolastico; questa formazione iniziata tre anni fa offre un’opportunità per sviluppare un pensiero divergente, perché spinge il docente a interrogarsi costantemente su dove è e dove dovrebbe andare”. Così Rossella Sonnino, dirigente scolastica dell’IC ‘Regina Elena’ di Roma, ha aperto il convegno ‘Pensiamo fuori dalla scatola – Creatività, divergenze e convergenze nello sviluppo dei talenti a scuola’, che si è tenuto al Centro Convegni Auditorium di Roma. Il piano per la formazione dei docenti dell’ambito Roma1, condotto insieme agli esperti dell’Istituto di Ortofonologia (Ido) e promosso dal MIUR e dall’USR Lazio, è stato infatti sviluppato per fornire ai docenti delle modalità innovative per riconoscere e valorizzare i talenti e le competenze specifiche di ogni studente. Al convegno conclusivo hanno partecipato rappresentanti delle istituzioni. psicologi e psicoterapeuti dell’Istituto di Ortofonologia, specialisti dell’età evolutiva e professionisti dell’educazione.


 

Dalle scuole:

Liceo ‘Malpighi’ di Bologna
Grazie al progetto “Imparare per passione” verranno assegnate 5 borse di studio per gli studenti del liceo internazionale.

Liceo ‘Pio X’ di Treviso
Contro il razzismo gli studenti si sottopongono al test del Dna per scoprire le loro origini e ribadire che tutti sono uguali.

IC ‘Matteo Ricci’ di Roma
Al via il progetto di giornalismo con Diregiovani per avvicinare i ragazzi al mondo dell’informazione.

Liceo Ovidio di Sulmona
Come veri reporter gli studenti hanno incontrato il safer internet center Generazioni Connesse per capire le attività e diffondere il progetto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it