Apple, il MacBook Pro da 16 pollici è finalmente realtà

Apple, il MacBook Pro da 16 pollici è finalmente realtà

Dopo tante voci, rumors e leak è finalmente comparso, almeno sul sito ufficiale, il nuovo modello pro dei portatili della casa di Cupertino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo tante voci, rumors e leak più o meno veritieri, è comparso sul sito ufficiale il nuovo modello pro dei portatili della casa di Cupertino. Il MacBook Pro da 16 pollici è stato presentato ufficialmente e Apple, come da consuetudine, lo ha definito ‘il notebook professionale migliore al mondo’.

Con la creazione di questo modello, la casa della mela morsicata, ha voluto rispondere a molte delle critiche piovute su questa serie di portatili non soltanto ingrandendo lo schermo, ma lavorando su una tastiera migliore e più performante riposizionando il tasto ‘esc’ separatamente e mettendo il sensore touch id in una posizione più consona, raggiungibile e facile da utilizzare.

Il MacBook Pro 16 viene venduto in tre configurazioni base, che si avvalgono dei processori Intel di nona generazione (Intel Core i7, Intel Core i9 8 core 2,3 ghz, Intel Core i9 8 core 2,4 ghz) con 16 GB di RAM espandibile fino a 64 GB. La capienza degli SSD parte da 512 GB ed è aumentabile fino a 8TB, mentre la parte grafica è curata da una AMD Radeon Pro Serie 5000M.

La parte audio è potentissima con sei speaker e un subwoofer; i microfoni sono stati raffinati e permettono una registrazione più performante. Apple ha utilizzato una batteria molto potente che dovrebbe garantire quasi undici ore di autonomia, ma la sua durata dipenderà dal tipo di applicazioni utilizzate dagli utenti. Il prezzo di partenza del MacBook Pro da 16 pollici, già disponibile sul sito apple.it, è di 2.799 euro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it