Taekwondo, lo sport delle pari opportunità

Taekwondo, lo sport delle pari opportunità

Intervista ad Angelo Cito, presidente della Fita
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Taekwondo è lo sport delle pari opportunità, dal momento del suo inserimento nel programma olimpico- ha dichiarato Angelo Cito, presidente della federazione italiana Taekwondo (Fita)- tutti i regolamenti prevedono le stesse caratteristiche sia in campo maschile che femminile. Anche le categorie, sempre a livello olimpico, sono quattro per entrambi i sessi e gli ufficiali di gara sono metà uomini e metà donne. Questo fattore viene percepito in maniera positiva dal mondo femminile che si avvicina sempre di più al nostro sport. Particolare attenzione è rivolta anche ai bambini e alle bambine che cominciamo a prepararli dall’età di dieci anni per crescerli e portarli alle competizioni a cinque cerchi. Individuiamo gli atleti che hanno una predisposizione e le caratteristiche fisiche per diventare dei campioni. Nel Taekwondo non c’è solo la fisicità- ha proseguito Angelo Cito- è importante una grande preparazione mentale, l’autocontrollo e questo è un valore aggiunto che il nostro sport dà ai ragazzi. Uno strumento educativo apprezzato anche dai genitori”.

In Italia la Fita conta circa 28mila tesserati agonisti e 550 club affiliati con numeri in costante crescita. Anche gli atleti paralimpici sono aumentati e per la prima volta potranno partecipare ai giochi di Tokyo 2020.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it