Taekwondo, lo sport delle pari opportunità

Intervista ad Angelo Cito, presidente della Fita

ROMA – “Il Taekwondo è lo sport delle pari opportunità, dal momento del suo inserimento nel programma olimpico- ha dichiarato Angelo Cito, presidente della federazione italiana Taekwondo (Fita)- tutti i regolamenti prevedono le stesse caratteristiche sia in campo maschile che femminile. Anche le categorie, sempre a livello olimpico, sono quattro per entrambi i sessi e gli ufficiali di gara sono metà uomini e metà donne. Questo fattore viene percepito in maniera positiva dal mondo femminile che si avvicina sempre di più al nostro sport. Particolare attenzione è rivolta anche ai bambini e alle bambine che cominciamo a prepararli dall’età di dieci anni per crescerli e portarli alle competizioni a cinque cerchi. Individuiamo gli atleti che hanno una predisposizione e le caratteristiche fisiche per diventare dei campioni. Nel Taekwondo non c’è solo la fisicità- ha proseguito Angelo Cito- è importante una grande preparazione mentale, l’autocontrollo e questo è un valore aggiunto che il nostro sport dà ai ragazzi. Uno strumento educativo apprezzato anche dai genitori”.

In Italia la Fita conta circa 28mila tesserati agonisti e 550 club affiliati con numeri in costante crescita. Anche gli atleti paralimpici sono aumentati e per la prima volta potranno partecipare ai giochi di Tokyo 2020.

2019-12-19T13:37:14+01:00