Michele Bravi, Irama e Shade. Ecco tutti gli esclusi da Sanremo 2020

Michele Bravi, Irama e Shade. Ecco tutti gli esclusi da Sanremo 2020

Chi, come per la lista dei big, ha svelato i sette artisti "rifiutati" da Amadeus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Amadeus dice no! La lista degli scontenti di Amadeus, ovvero dei rifiutati a Sanremo, è lunghissima e tra gli esclusi figurano nomi importanti come Marcella Bella, Paolo Vallesi, Stash dei The Kolors, Irama, Vito Shade, Michele Bravi, Bianca Atzei e così via. Cantanti che pensavano di aver già il pass in tasca per il Festival di Sanremo”. È con queste poche righe che il settimanale Chi torna a rivelare dettagli sul  Festival di Amadeus, in programma dal 4 all’8 febbraio.

Il magazine di Alfonso Signorini aveva già rovinato i piani al conduttore e direttore artistico svelando la lista dei big in gara a poche ore dai festeggiamenti per il nuovo anno. Amadeus avrebbe dovuto rivelare i nomi durante la puntata del 6 gennaio de I soliti ignoti – Lotteria Italia. I cantanti hanno partecipato comunque al programma ma rivelando solo i titoli delle loro canzoni. Uniche due sorprese Tosca e Rita Pavone, che si sono aggiunte ai 22 già prescelti.

Grande la delusione dei fan di Michele Bravi. Il nome del cantante è diventato trending topic su Twitter subito dopo la fuoriuscita della notizia. Il messaggio contro il settantesimo festival è comune: Amadeus ha avuto paura delle polemiche che sarebbero potute scaturire portando Michele Bravi a Sanremo e la cosa è molto triste”. I post si riferiscono all’incidente del 24 novembre 2018 durante il quale è morta una 58enne e al processo in corso per omicidio stradale.

Irama e Shade stanno lavorando a nuovi progetti discografici. Il secondo pubblicherà il suo nuovo singolo venerdì 10 gennaio. Il rapper lo ha annunciato con un nuovo freestyle.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it