VIDEO| Ribelli come le Piccole donne di Greta Gerwig, il film visto dagli studenti

VIDEO|Ribelli come le ‘Piccole donne’ di Greta Gerwig, il film visto dagli studenti

Diregiovani porta al cinema i ragazzi per combattere gli stereotipi di genere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La storia di Meg, Jo, Beth e Amy, le ‘piccole donne’ che hanno accompagnato l’adolescenza di intere generazioni, torna al cinema domani, 9 gennaio, in una nuova trasposizione cinematografica firmata Greta Gerwig. Tratto dal celebre libro di Louisa May Alcott, il film racconta le vicende delle quattro sorelle che cercando di realizzare i propri sogni in un mondo dove c’è ancora troppo poco spazio per le donne. Siamo infatti nella seconda metà dell’Ottocento, in Massachusetts (Stati Uniti d’America), ma il coraggio e la determinazione delle ragazze March non sembrano essere molto distanti da quelli dei giovani di oggi, alle prese con nuove barriere che ne ostacolano la realizzazione.

Questa mattina un gruppo di ragazzi del liceo ‘Gullace’ di Roma ha assistito in anteprima alla proiezione del film nell’ambito di un progetto realizzato da diregiovani.it e DireDonne per educare le ‘Piccole Donne’ di oggi ad andare oltre gli stereotipi di genere e restituire alle ragazze la piena libertà di scegliere cosa essere e cosa fare da adulte. Per gli studenti non ci sono dubbi, è Jo il personaggio preferito: l’aspirante scrittrice che si ribella ad una società dove le donne sono relegate ad una vita domestica.

“Anche io, pur essendo giovane, penso molto alla mia carriera, per questo mi rispecchio in lei– ha commentato Giada- mi piace perché riesce a raggiungere il suo scopo trovando comunque l’amore, quindi non si è posta dei limiti”. Emanciparsi, quindi, per i ragazzi di oggi vuol dire soprattutto ribellarsi, ma senza dover per forza rinunciare ai sentimenti. Per farsi spazio nel mondo di oggi, basterà “dire sempre la propria opinione, non dare sempre ragione agli altri e usare la testa– aggiunge una studentessa- la bellezza conta poco”.

(QUI la recensione del film).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it