Scozia, ritrovato lo scheletro di una misteriosa creatura gigante

Scozia, ritrovato lo scheletro di una misteriosa creatura gigante

In molti sostengono si tratti del mostro di Loch Ness
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ha riacceso l’interesse sul mostro di Loch Ness il ritrovamento dello scheletro “gigante” di una misteriosa creatura sulle coste della Scozia.
La foto è stata caricata su Facebook da Fubar News, scattata poco dopo la tempesta Ciara che ha colpito il Regno Unito.

Tuttavia, lo scheletro è stato trovato ad Aberdeen, a circa 200 km di distanza dal lago di Loch Ness. Un po’ lontano quindi per poter parlare del mostro leggendario. Inoltre, Aberdeen affaccia sul Mare del Nord: l’acqua è salata, forse non proprio adatta ad una creatura di lago.

Diversi utenti sono sicuri si tratti dello scheletro di una balena, arrivato a riva a causa della tempesta.

Il mostro di Loch Ness

I primi avvistamenti del mostro di Loch Ness risalgono a secoli fa, addirittura nel VI° secolo d.C.
La leggenda moderna è nata il 2 maggio del 1933, quando il giornale locale “Inverness Courier” riportò la notizia di una coppia che dichiarava di aver visto “un enorme animale che si tuffava nella superficie del lago”. La storia del “mostro” diventò un fenomeno mediatico, e fece il giro del modo.

La foto più famosa del mostro di Loch Ness fu scattata un anno dopo e pubblicata sul Daily Mail il 21 aprile del 1934.

L’immagine, conosciuta come la “fotografia del Chirurgo” fu vista come la prova che il mostro marino esisteva, ma successivamente si rivelò un falso elaborato.
Il Nessie entrato nell’immaginario collettivo, altro non era che un sottomarino giocattolo con una testa di legno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it