Francesca Michielin: essere donna tra città e natura

Francesca Michielin: essere donna tra città e natura

Fuori oggi il quarto disco della cantante "Feat (Stato di Natura)"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Francesca Michielin è tornata su tutte le piattaforme. È fuori da oggi per Sony Music ‘Feat (Stato di natura)’, il quarto album della cantante di Bassano del Grappa.

Undici le tracce nella tracklist e undici i featuring come si evince già dal titolo. Sono tanti i colleghi che la cantante ha deciso di coinvolgere nel progetto. C’è Charlie Charles che ha collaborato nel singolo di debutto ‘Cheyenne’ e ci sono, tra gli altri, Fabri Fibra, Coma Cose, Shiva e Maneskin. Il risultato è un lavoro dalle sonorità diverse che rappresentano le tante anime musicali di Francesca.

Man mano che si ascolta ‘Feat’ è ‘incontro’ la parola che viene subito in mente. Incontro, non solo tra artisti, ma anche tra generi, tra mondi apparentemente distanti: tra urban e analogico, tra pop ed elettronica, tra dimensione cittadina e quella della natura. 

Francesca canta la libertà di essere donna, indipendente da ogni convenzione. ‘Feat (Stato di natura)’ si apre con le atmosfere rock di ‘Stato di natura’, il brano in collaborazione con i Maneskin. Un brano che sottolinea l’importanza del dare un peso alle parole, lanciando un messaggio contro la violenza gratuita tipica dei nostri tempi. L’album prosegue poi con ‘Monolocale’, nel quale Francesca Michielin, insieme a Fabri Fibra, ci spiega in modo ironico e divertente com’è la ‘vita sintetica’ in una stanza. ‘Sposerò’ un albero è il brano con Gemitaiz ed è un inno alla vita libera, che passa anche attraverso il ricongiungimento con la natura: un contrasto con la vita ‘da monolocale’ tipica della città.

La continuità di ‘Gange’ con il brano precedente riguarda sempre la natura ma in maniera meno positiva e più figurata, poiché nel featuring con Shiva Francesca ha, invece, voluto raccontare la complessità di una relazione giocando con il parallelismo del celebre fiume indiano, luogo di purificazione ma oggi terribilmente inquinato.

‘Yo No Tengo Nada’ è la quinta traccia, nella quale alla cantautrice si uniscono la potente voce di Elisa e la brillante produzione di Dardust, a raccontare l’attitudine tipica del nord-est, luogo di persone viste spesso come fredde e schive ma che in realtà sanno essere passionali ed emotive. Si prosegue poi con ‘Riserva Naturale’ feat. Coma_Cose, nella quale Francesca e il duo milanese che mixa rap e cantautorato descrivono l’importanza di avere un luogo sicuro, nel quale rifugiarsi, nella frenesia della città.

È poco dopo la metà dell’album che troviamo ‘Acqua e Sapone’, un brano dal mood vintage e nostalgico. Nel doppio feat. con Takagi&Ketra e Fred de Palma gli artisti cantano una storia d’amore sublime, genuina e ‘pazza’ scritta da Tommaso Paradiso. ‘La vie ensemble’, con Max Gazzè, è un brano in francese nel quale, con spensierata malinconia, i due raccontano i momenti in cui si assume la consapevolezza che una storia non possa più andare avanti.

Segue poi ‘Star Trek’, il featuring con Carl Brave, nel quale Francesca chiede di essere lasciata in pace a sognare. Sul finale ritroviamo i contrasti di ‘Cheyenne’ feat. Charlie Charles, per arrivare infine a ‘Leoni’, il brano che chiude l’album con cui insieme a Giorgio Poi ci accompagna verso la spensieratezza tipica del periodo estivo. Il brano fa parte della colonna sonora della nuova serie originale italiana Netflix ‘Summertime’, prodotta da Cattleya e in arrivo il 29 aprile in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo.

Francesca Michielin presenterà live il disco in un grande appuntamento: il 20 settembre al Carroponte di Milano. Biglietti disponibili sul sito di TicketOne.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it