#suonateacasa è il primo "phone" festival di musica a distanza

#suonateacasa è il primo “phone” festival di musica a distanza

Il magazine online Pink Noises lancia la call alle band. Hanno già aderito Lamine, Adel Tirant, CiaosonoVale, Margherita Vicario, i Booda e tanti altri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – Se non avete mai cliccato Pink Noises è il momento giusto per farlo. Tra le opportunità che il web ci regala ci sono loro, redattori e artisti al lavoro per amplificare il volume delle frequenze più basse, spesso escluse dall’informazione mainstream, veri e propri collettori di nuovi rumori e movimenti creativi. Così, in questo clima che ci vede “distanti ma uniti”, parte da loro l’idea (concreta e tangibile) della prima e unica rassegna di musica a distanza. Con l’hashtag #suonateacasa nasce un “phone” festival online che ha già visto protagonisti Alice Clarini, Annalisa Baldi, Eva Pevarello, Diana Tejera, Lamine, Adel Tirant, CiaosonoVale, Eleviole, Io e la tigre, Ginevra, Margherita Vicario e i Booda.
La Complice
«Per incontrarci anche se virtualmente tra le braccia degli amici, anche senza un palco.
Abbiamo immaginato che questa astinenza da live dovesse essere risolta con l’aiuto della tecnologia e dopo varie prove abbiamo trovato l’escamotage per sentirci tutti un po’ meno soli» spiegano gli autori di Pinknoises.
#suonateacasa è un festival di musica on line “a strati” con tre semplici step.
La band sceglie il brano da suonare, il primo componente esegue la sua parte e si registra in video, poi invia il tutto a un altro membro della band che a sua volta fa lo stesso.
Una vera e propria “composizione”, per rimanere in tema, di video che evocano ad una vicinanza emotiva anche in un momento di isolamento fisico. Un modo per celebrare la musica e il suo enorme valore sociale anche quando l’unico spazio di condivisione sono i social e il web. #suonateacasa è il festival per continuare a fare rumore, una risposta al bisogno di condivisione forte perché sentirsi comunità in questa dura prova che l’Italia si trova a dover affrontare è necessario e importantissimo.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it