Roma, istituto 'Fevola': "Buona risposta a didattica a distanza"

VIDEO | Roma, istituto ‘Fevola’: “Buona risposta a didattica a distanza”

Intervista a Mario Tramontano, gestore della scuola
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La risposta della nostra scuola si è articolata su tre livelli. Il primo è stato quello di creare una piattaforma di didattica virtuale statica attraverso cui i docenti hanno la possibilità di lasciare agli studenti compiti in classe, video lezioni o esercitazioni, e che è consultabile a qualsiasi ora della giornata. Il secondo è stato quello di creare delle chat su Whatsapp con la partecipazione di docenti e studenti. E il terzo è stata la creazione di video lezioni in diretta in modo da riprodurre la lezione che normalmente si svolgono in classe”.

Così Mario Tramontano, gestore dell’istituto ‘Aurelia Fevola’ di Roma, intervistato sulle nuove forme di didattica a distanza sperimentate in questo periodo di chiusura forzata delle scuole a causa del Coronavirus.

“La risposta degli alunni?- ha poi aggiunto- Posso dire che è stata addirittura migliore, perché gli alunni in questo modo stanno comunicando con i docenti attraverso il loro linguaggio, che è quello digitale e che è quello con il quale sono nati. Di fatto quello attraverso cui sono abituati a comunicare tra loro, a differenza di quello che avveniva per la mia generazione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it