RECENSIONE| Il Principe Dimenticato: padre e figlia tra favola e realtà

RECENSIONE| Il Principe Dimenticato: padre e figlia tra favola e realtà

Il film è disponibile dal 24 aprile su Amazon Prime Video
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il 24 aprile su Amazon Prime Video arriva ‘Il Principe Dimenticato’, una storia tra immaginazione e realtà su un papà single che deve fare i conti con la crescita della propria bambina. Diretta da Michel Hazanavicius (regista premio Oscar per ‘The Artist’), la pellicola catapulta lo spettatore nella vita di papà Djibi, interpretato da Omar Sy (a lui si deve il buon risultato di questo lavoro), e di sua figlia Sofia, interpretata da Keyla Fala. Ogni sera nel loro rituale della storia della buonanotte il papà porta la piccola a ‘Storyland’, uno studio cinematografico di fantasia in cui le loro fiabe prendono vita e in cui Djibi interpreta un eroico principe azzurro.

Tre anni più tardi e quasi adolescente, Sofia inizia a distanziarsi dalle storie del padre che non ricopre più il ruolo di eroe. Nella nuova scuola, infatti, inizia a provare un dolce interesse per il suo compagno di classe Max, interpretato da Néotis Ronzon. Questo rappresenta un duro colpo per Djibi: dopo la morte della moglie, sua figlia è diventata il centro della sua esistenza. 

In questo simpatico e tenero oscillare tra fiaba e realtà, Djibi ‘dimenticato’ dalla figlia e da ‘Storyland’ deve trovare un modo per tornare ad essere l’eroe sia della favola sia di sua figlia. Con il potere dell’immaginazione e della vicina, interpretata da Berenice Bejo, il personaggio di Sy ci regala la sua scalata verso l’accettazione della crescita di Sofia, mostrandosi tenero, ironico e un super papà comprensivo. Riuscirà il nostro eroe a riconquistare il suo posto da principe? Lo scopriremo il 24 aprile su Amazon Prime Video.

‘Il Principe Dimenticato’ è un film che non ha di certo la pretesa di essere un capolavoro, ma nonostante ciò il regista è riuscito nella sua impresa: ovvero dare un originale spunto di riflessione sul rapporto genitori-figli e sulla straordinaria potenza dell’immaginazione, far emozionare e far divertire il pubblico con un irresistibile Omar Sy (impossibile dimenticarsi di lui). 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it