Roma, all'istituto Sereni 'si va in scena' con laboratorio di cinema

Roma, all’istituto Sereni ‘si va in scena’ con laboratorio di cinema

Avviato progetto nonostante l'emergenza Covid-19
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La storia del cinema, l’evoluzione tecnologica degli strumenti, delle tecniche e dei mezzi di ripresa, ma anche la fase di post produzione e alcuni dei segreti che si celano dietro alcuni effetti speciali che vediamo sul grande schermo. Questi, in sintesi, i punti principali del programma del corso di cinema dal titolo ‘Si va in scena!’ che due classe del biennio dell’istituto tecnico agrario ‘Sereni’ di Roma stanno seguendo nell’ambito del piano nazionale ‘Cinema per la scuola’ promosso dal ministero dell’istruzione, e dal Mibact.

“Parleremo di linguaggio cinematografico, della grammatica che lo contraddistingue – ha esordito Maurizio Cartolano, regista- Cercheremo di ripercorrere gli albori del cinema, la sua evoluzione fino ad arrivare ai giorni nostri per capire cosa c’è dietro gli effetti speciali di certe scene di film d’azione come possono essere ‘The Avengers’ o ‘Spiderman'”.

Parallelamente i ragazzi seguiranno anche un corso di giornalismo, in collaborazione con diregiovani.it, che cercherà di ripercorrere a grandi tappe la storia dei giornali, la nascita del giornalismo moderno, l’evoluzione degli strumenti e del linguaggio per concludersi con una lezione sulla critica cinematografica. Ci sarà anche una prova pratica per i ragazzi che, a fine corso, divisi in gruppi dovranno realizzare dei brevi filmati individuali con i propri telefonini da montare direttamente sullo smartphone in un video unico.

I giovani che parteciperanno al progetto in prima persona non saranno gli unici ad avere accesso alle tecniche sviluppate durante le attività, infatti si prevede la diffusione a livello nazionale attraverso una campagna di informazione. I ragazzi saranno loro stessi moltiplicatori della campagna e avranno l’occasione di sperimentarsi attraverso diverse modalità espressive e grazie all’utilizzo di tecnologie normalmente presenti nelle loro vite, come le chat e i social. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it