Naya Rivera: l’autopsia conferma la morte per annegamento

Naya Rivera: l’autopsia conferma la morte per annegamento

Escluse ipotesi sull'uso di droghe
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’autopsia sul corpo di Naya Rivera conferma la morte per annegamento. Escluse le ipotesi sull’uso di droghe, la star di ‘Glee’ è stata trascinata dalle forti correnti che non le hanno permesso di risalire sulla superficie del lago Piru, in California.

Dall’esame autoptico e dalle indagini non risulta che droghe e alcool abbiano causato l’incidente, ma saranno effettuati ulteriori esami tossicologici per escluderlo completamente“, hanno dichiarato le autorità.

L’attrice era scomparsa lo scorso 8 luglio durante una gita in barca con il figlio che, come hanno dichiarato le autorità, è stato aiutato dalla madre a risalire sull’imbarcazione prima di annegare. Il corpo della Rivera è stato ritrovato il 13 luglio, a sette anni dalla morte dell’attore di ‘Glee’ Cory Monteith.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it