Roma, istituto Massimo: dal 9 settembre tutti in aula

Roma, istituto Massimo: dal 9 settembre tutti in aula

Il direttore La Manna annuncia apertura anticipata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dopo il lockdown gli stessi ragazzi hanno una grandissima voglia di tornare a scuola, di crescere insieme ai loro compagni. E anche le famiglie si sono rese conto della necessità di collaborazione fra scuola e famiglia. Per questo ripartiamo con un rinnovato patto educativo fra scuola e genitori, che su temi fondamentali come quello della salute sono chiamati a fare la loro parte”.

Così padre Giovanni La Manna, direttore generale dell’istituto ‘Massimo’ di Roma, annuncia la riapertura anticipata della scuola il prossimo 9 settembre. Il ‘Massimo’ sarà quindi il primo istituto capitolino a riaprire il portone d’ingresso agli studenti, al completo ed in presenza dalla scuola dell’Infanzia alla primaria, secondaria di primo grado e licei classico e scientifico internazionali.

“Con la collaborazione di un team di esperti, l’istituto ha elaborato e messo in opera un piano di attività che ci consente di riprendere l’attività scolastica dal 9 settembre 2020 in piena sicurezza e senza difformità con gli anni precedenti- continua La Manna– Grazie alla lungimiranza di chi ci ha preceduto, gli ampi spazi dell’Istituto ci permettono di rispettare il distanziamento e le altre norme di prevenzione senza ulteriori disagi per i nostri ragazzi; le aule sono tutte già dotate di banchi singoli e monitor touch screen multimediali”.

È stata inoltre realizzata una nuova segnaletica per indicare percorsi protetti di ingresso e uscita, mentre le ricreazioni avverranno in luoghi separati per le diverse classi.

“È però indispensabile che tutti si attengano al rispetto delle nuove norme di comportamento adottate, condensate nei documenti che sono stati inviati ai genitori- sottolinea il direttore- È stato scelto un linguaggio semplice e facilmente comprensibile dai ragazzi. Per questo sono stati adottati distinti vademecum, uno per ogni plesso. Tutti dobbiamo stringere un patto famiglie, istituzioni e scuole per il bene dei nostri ragazzi e ripartire in presenza, accettando le limitazioni imposte dalla pandemia in corso ma anche sforzarci di mettere a disposizione dei nostri ragazzi ogni risorsa economica e intellettuale delle nostre scuole”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it