I love my radio continua con il master "Fare radio"

I love my radio continua con il master “Fare radio”

Il corso di specializzazione fa parte della didattica di ALMED, Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo dell’Università cattolica del Sacro cuore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A quattro anni dalla sua nascita, il master “Fare radio” di ALMED, Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo dell’Università cattolica del Sacro cuore, raggiunge un importante obiettivo: il gemellaggio con tutti i network di I love my radio, l’iniziativa che si è conclusa nel grande evento radiofonico di ieri sera e che unisce tutti i principali network italiani che rappresentano, per i giovani del master, una concreta possibilità di inserimento nel mondo del lavoro.

Fare Radio offre una didattica completa sul panorama radiofonico nazionale e un approccio integrato tra le attività professionali che costituiscono la radio.

La formazione del master si struttura attraverso un percorso didattico che mette in cattedra, i nomi più illustri delle radio, tra i quali: Lorenzo Suraci, Presidente RTL 102.5; Massimiliano Montefuoco, General Manager RDS; Linus, Direttore Editoriale del Polo Radiofonico del Gruppo GEDI; Angelo Baiguini, Direttore di RTL 102.5; Mario VOLANTI, Presidente Radio Italia, Angelo De Robertis (già direttore di Radio 105) e molti altri.

Il piano didattico del Master, si articola in: lezioni frontali laboratori e workshop, project work, outdoor, testimonianze, stage. Ogni studente iscritto al Master Fare Radio affronterà un percorso formativo tenendo conto delle competenze acquisite durante l’anno e delle aspirazioni individuali.

Il master è diretto da Paolo Gomarasca (docente Università Cattolica) e Marco Pontini (Vice Presidente di Radio Italia).

Iscriversi e informarsi  sul Master Fare Radio è facile, basta andare sul sito: www.almed.unicatt.it/fareradio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it