È nata RIFF - Rete Italiana dei Festival di Fumetto

È nata RIFF – Rete Italiana dei Festival di Fumetto

Da oggi il fumetto è tra le discipline di cui il MiBACT intende supportare lo sviluppo. Due i progetti pronti a partire: il Premio Parigi e il Rapporto sul Fumetto Italiano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Il settore fumetto in Italia vanta una quantità incredibile di talenti e addetti ai lavori fino ad oggi non troppo valorizzati dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo. Se ne è parlato in questi ultimi anni ma ci voleva una pandemia, che ha fermato momentaneamente fiere, festival e tanto altro, per portare l’argomento al centro del discorso. Così a Lucca Comics & Game, in onda in queste ore con un palinsesto ricchissimo in streaming ‘Lucca Changes’, nasce  RIFF – Rete Italiana dei Festival di Fumetto.

Insomma il 30 ottobre 2020 diventa una data storica nel mondo del fumetto perché prende vita la prima associazione nazionale di categoria. Con RIFF si apre per la prima volta un dialogo tra il mondo del Fumetto e la Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo – ovvero il settore del MiBACT che si occupa di “promozione e sostegno dell’arte e dell’architettura contemporanee, della fotografia e della video-arte, delle arti applicate compresi il design e la moda, e della qualità architettonica ed urbanistica” e che “sostiene le imprese culturali e creative” – al fine di riconoscere e includere il Fumetto tra le discipline di cui il MiBACT intende supportare lo sviluppo.

RIFF e MiBACT hanno elaborato una Convenzione ‘Quadro’ che prevede l’avvio nei prossimi mesi dei due primi progetti: il Premio Parigi e un Rapporto sul Fumetto Italiano. L’accordo e le prime attività sono state presentate nella conferenza stampa di RIFF dove sono intervenuti: Margherita Guccione (Mibact – Direttore Generale Creatività Contemporanea), Luca Maggi (Mibact – Dirigente responsabile per il settore “Cultura del Fumetto”), Claudio Curcio (Comicon Napoli), Antonio Mannino (Etna Comics), Stefano Piccoli (ARF! Festival), Alberto Polita (Treviso Comic Book Festival), Giovanni Russo (Lucca Comics & Games), Matteo Stefanelli (Comicon Napoli).

«I nuovi ambiti di interesse del MiBACT, previsti dall’ultima Riforma, sono finalmente rivolti anche ad un settore cruciale dell’arte e delle imprese creative del nostro Paese, quello del Fumetto. – Ha detto Margherita Guccione – Oggi è finalmente possibile per lo Stato promuovere e sostenere a tutto campo questo settore, attivando un proficuo confronto con le molteplici figure presenti nella filiera. La collaborazione tra la DG creatività contemporanea e la Rete Italiana dei Festival di Fumetto è dunque un’occasione di dialogo importante: i festival, per loro natura, sono una porta aperta e inclusiva. Mi pare davvero un ottimo inizio, sottolineato da già due progetti pronti a partire».

Grazie all’accordo tra RIFF e MiBACT, sono in fase di stesura le convenzioni attuative che permetteranno la partenza dei primi due progetti: il Premio Parigi: programma di residenze destinato ad autori emergenti di nazionalità italiana. Il premio offrirà ogni anno a tre fumettisti italiani (sceneggiatore, disegnatore, colorista) la possibilità di realizzare un’esperienza formativa e artistica, ampliando le competenze e le relazioni in una delle capitali mondiali del fumetto. Il Rapporto sul Fumetto Italiano: studio con finalità di mappatura degli attori della filiera nazionale. Il rapporto, progettato in collaborazione con i principali stakeholder, realizzato da un ente universitario partner di ricerca, e coordinato da RIFF e Direzione Generale CC, offrirà per la prima volta in Italia una ricognizione strutturata della filiera del Fumetto, attraverso una mappatura organica dei diversi soggetti (creativi, imprenditoriali, professionali) e dei loro campi d’azione, accompagnata da un’analisi dei dati economici e culturali disponibili, e da un’indagine sulle questioni strategiche per lo sviluppo del settore.

Gli obiettivi di RIFF prefissati dai festival fondatori ARF! Festival (Roma), Comicon (Napoli), Etna Comics (Catania), Lucca Comics & Games e Treviso Comic Book Festival sono già stati sottoscritti da altre 20 manifestazioni dislocate lungo tutto il territorio nazionale: ALEComics (Alessandria), Be Comics! (Padova), B-Geek (Bari), Bergomix (Bergamo), BilBOlbul (Bologna), CCS (Cesena), Lanciano Nel Fumetto, Lucca Collezionando, Anafi Mostra Mercato del Fumetto di Reggio Emilia, Palermo Comic Convention, Pescara Comix, Rapalloonia (Rapallo), Riminicomix, San Beach Comix (San Benedetto del Tronto), Le Strade del Paesaggio (Cosenza), Teramo Comix, Tiferno Comics (Città di Castello), Torino Comics, Venezia Comics e Varchi Comics.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it