"Riflettere e cambiare", dai Massive Attack un video sulla crisi climatica

“Riflettere e cambiare”, dai Massive Attack un video sulla crisi climatica

La clip avrebbe dovuto debuttare in un concerto speciale a Liverpool quest’anno ma non è stato possibile a causa del Coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I Massive Attack hanno rinnovato il loro impegno in favore dell’ambiente con nuovo video sul cambiamento climatico.

Come spiega Resident advisor (residentadvisor.net) il filmato è stato realizzato in collaborazione con il Tyndall Center for Climate Change Research, che la band ha ufficialmente incaricato lo scorso anno per una serie di ricerche sul tema dei mutamenti climatici e dell’impatto delle attività umane, comprese musica e concerti. Il video avrebbe dovuto debuttare in un concerto speciale a Liverpool quest’anno, in collaborazione con l’amministrazione della città e Ecotricity, compagnia elttrica rinnovabile britannica, ma ciò non è stato possibile a causa della pandemia da coronavirus.

“Oltre allo scempio che la pandemia porta nelle nostre vite, c’è anche l’opportunità, all’interno di questa pausa forzata, di riflettere e cambiare“, dice Robert Del Naja, leader dei Massive Attack. “Ci siamo resi conto che il nostro settore non avrebbe potuto o non avrebbe voluto muoversi abbastanza velocemente perché la musica dal vivo potesse fare la sua parte in un rapido processo di decarbonizzazione, quindi abbiamo deciso di progettare quel cambiamento, per mettere insieme le nostre identità e le circostanze, operare una pressione e dimostrare che è possibile“.

Sul loro sito – https://www.massiveattack.co.uk/ – e sui propri canali social la seminale band di Bristol porta avanti il proprio impegno climatico.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it