Penso che la paura sta prendendo il posto dell’entusiasmo per il futuro…

Buongiorno,
avrei bisogno di un consiglio. Ho 26 anni e a gennaio sarò trasferita dalla mia azienda in un’altra città. La cosa lì per lì mi ha spiazzata poiché mi trovavo bene dove ero e mi trovavo bene con i colleghi, poi però l’idea di fare un’esperienza nuova mi stava iniziando a piacere. Ora l’idea che mi trasferirò in pieno lockdown o comunque in una situazione di emergenza mi spaventa.
Ho paura all’idea di dover stare in casa da sola in una città nuova, ho paura che lavorando da casa non conoscerò nessuno di nuovo, che la mia vita sarà a metà.
So che è una situazione che riguarda tutti ma mi accorgo che la paura sta prendendo il posto dell’entusiasmo per il futuro. E questo mi spaventa perché io sono sempre stata una ragazza positiva.
Grazie

 

Stefania, 26 anni


Cara Stefania,
comprendiamo le emozioni contrastanti che stai vivendo, in cui oltre all’eccitazione per qualcosa di nuovo che ti aspetta, si unisce l’agitazione per il dover far fronte a circostanze che non sono definite, dove i dubbi sul come si dispiegherà la tua vita sono alimentati ulteriormente dalla pandemia.
Probabilmente lasciare qualcosa di certo per l’incerto implica avere flessibilità, una buona capacità di adattamento ed uno spirito di entusiasmo, che come scrivi tu stessa avresti avuto in un’altra circostanza; sembrerebbe emergere in te non tanto il timore nei confronti dell’ignoto, ma piuttosto la paura che le condizioni dettate dalla pandemia non ti permetteranno di integrarti nel tessuto sociale facilmente e ti costringeranno alla solitudine. 
Potresti immaginare le difficoltà attuali come transitorie, perché probabilmente si tratterebbe solo di un periodo al termine del quale potrai dedicarti a nuove conoscenze e alla scoperta della città che ti ospiterà. 
Inoltre probabilmente sarebbe importante per te cercare di continuare a nutrire a distanza i rapporti che hai consolidato in questi anni; sentire di avere le radici lì dove vivi adesso e muoverti per una esperienza potrebbe forse aiutarti nel percepire maggiormente un senso di pienezza.
Comprendiamo che non sarà facile assimilare una nuova esperienza in un momento storico così complesso, ma ci sarà bisogno di tempo per abituarsi a ritmi e spazi nuovi; e allora conceditelo il tempo, accettando anche che il primo periodo forse non sarà semplice. Non pretendere troppo da te stessa, prova ad usare il tempo “sospeso” per adattarti, per capire come funziona il nuovo lavoro, e cerca di mantenere attivo internamente quello spazio per l’entusiasmo e la sorpresa che non appena sarà possibile potrai rimettere a frutto. 

Prova ad aver fiducia in tutte le sfumature del tuo sentire e non precipitarti temporalmente troppo in là nel futuro; mantenendo una visione anche razionale delle cose e vivendo il presente nel qui ed ora forse riuscirai ad affrontare tutto con maggiore lucidità e consapevolezza e a non lasciare che la paura prenda il sopravvento sul tuo entusiasmo.
Un caro saluto!

10 Novembre 2020