Violenza donne, dal liceo Vittorini di Milano un video per dire no

"Non è normale che sia normale"

MILANO – Le bocche, dapprima coperte da una fazzoletto rosso, tornano libere di dire ‘no’. Tanti no, pronunciati uno dopo l’altro, in un video, dagli studenti e dalle studentesse del liceo ‘Vittorini’ di Milano, per la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. “Minacce, attacchi verbali, aggressioni fisiche, stalking, stupro. La violenza sulle donne ha migliaia di forme e sfaccettature, in un abisso di buio in cui nessuna donna dovrebbe mai finire” si legge su cartelli che ragazzi e ragazze alzano nel video.

Video che salta di ‘tag in tag’ con l’intento di diventare virale tra istituti superiori, non solo milanesi: il ‘Volta’ e il ‘Pareto’ di Milano, il ‘Lussana’ di Bergamo, il Tasso’ di Roma, il ‘Giordano Bruno’ di Napoli, il ‘Gioberti’ di Torino. Video, inoltre, che è solo una delle iniziative organizzate per la Giornata dallo scientifico milanese del Lorenteggio.

Un’altra idea, sempre social, è quella che recupera la campagna lanciata due anni dall’allora vicepresidente della Camera, Mara Carfagna, ‘Non è normale che sia normale’: pubblicare un selfie mentre si indossa una maglia rossa o ci si decora il volto con un segno rosso sotto l’occhio destro, postarla e taggare l’istituto di appartenenza.

“La violenza contro le donne- scrivono i rappresentanti d’istituto sul canale Instagram della scuola- è una violazione dei diritti umani e una conseguenza della discriminazione nei confronti delle donne, nella legge e anche nella pratica, nonché delle persistenti disuguaglianze tra uomini e donne”.

Violenza e diseguaglianze che vanno comprese e contrastate anche grazie a una conoscenza approfondita di questi fenomeni, resa possibile – e questa è l’ultima iniziativa del liceo – da incontri con esperti come il ciclo sul benessere relazionale e le dipendenze affettive, organizzato con il Municipio 6, la cooperativa Hikikomori e la Compagnia teatrale degli Angioli.

 

     Visualizza questo post su Instagram           

 

Un post condiviso da Liceo Scientifico Vittorini (@liceo.vittorini)

2020-11-25T16:52:36+01:00