Da quando è cominciato il lockdown ho cominciato a prendere peso…

Buonasera esperti,
vi scrivo perché da quando è cominciato il lockdown ho cominciato a prendere peso. Da marzo in poi sono ingrassata di 2 kg ogni mese. Adesso peso 80 kg per un’altezza di 1.65 e non mi riconosco più nel mio corpo. Sto provando a fare delle diete ma mi rendo conto di non riuscirci perché tendo a mangiare in tutte le ore del giorno e non riesco proprio a contenermi. La mia paura è che possa continuare ad ingrassare sempre più. Sento proprio di non farcela. In più di questo passo mi vedo sempre più brutta e questo mi fa venir voglia di mangiare sempre più per consolarmi. Potreste darmi delle indicazioni?
Vi ringrazio.

Anonima


Cara Anonima,
comprendiamo il tuo dolore e la tua difficoltà che arrivano chiari tra le righe di quanto hai condiviso. Hai fatto bene a scrivere: sfogarsi può voler dire iniziare ad aprire un canale di comunicazione per esprimere quanto grava su di noi.
I sentimenti e gli stati d’animo che ci hai comunicato ci fanno capire che il peso che stai portando, non è solo quello dei kg in più, messi su, ma è un peso emotivo che, forse stai portando da molto tempo? Ovviamente non conoscendo la tua storia possiamo solo fare ipotesi.
Probabilmente creare un rapporto esclusivo e rassicurante con il cibo, è stato un modo per non sentirti schiacciata dalle difficoltà che siamo stati chiamati a vivere a causa di questa pandemia, però è proprio ciò che ti fa soffrire.
Quando si hanno difficoltà col cibo c’è sempre un rapporto ambivalente alla base perchè se da un lato sembra consolarci, dall’altro diventa il proprio acerrimo nemico.
Il cibo è qualcosa che ha molto a che fare con le emozioni: quando il bambino piccolo è disperato per la fame e trova il seno e il latte caldo, si calma, ritrovando una pace persa; così a volte da adulti, si usa il cibo per placare le proprie angosce, per sentire il calore che magari non si trova altrove.
In questo momento tutto è più difficile, il virus spinge ad avere un rapporto maggiore con la propria interiorità e quando ci sono dei nodi da sciogliere, tutto diventa davvero complicato.
Costringerti ora ad una dieta, fallire e sentirti ancora più incapace di portarla avanti, è una strada che acuisce il dolore e che nutre l’autocritica spietata. Diverso è provare a condividere con qualcuno di cui ti fidi le tue emozioni e iniziare ad immaginare di poterti aprire ad un esperto, anche mediante una terapia online. Questo è uno spazio che può servire per trovare la spinta a cercare una soluzione, perchè una soluzione ci può essere. Va costruita ma non da sola.
Sperando di esserti stati d’aiuto e rimanendo a disposizione se ci vorrai scrivere ancora, ti mandiamo un caro saluto!

2021-08-02T11:18:48+02:00