Visitare gli Uffizi da casa in 3 modalità

Visitare gli Uffizi da casa in 3 modalità

Il video
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La Sacra famiglia dipinta da Michelangelo Buonarroti per il mercante fiorentino Agnolo Doni e che per questo prende il nome di ‘Tondo Doni’, ‘Giuditta con la testa di Oloferne’ di Cristofano Allori che si divertì a dare le sua sembianze alle testa decapitata di Oloferne e quelle della sua amante Mazzafirra nel volto della giovane Giuditta o ancora i gelidi sguardi de ‘I duchi di Urbino Federico da Montefeltro e Battista Sforza’.

Queste e altre opere sono ancora visitabili, in modalità virtuale, sul sito degli Uffizi che ha riaperto al pubblico il 21 gennaio. La Galleria degli Uffizi, Palazzo Pitti, il Corridoio Vasariano e il Giardino dei Boboli sono tutti fruibili da remoto in alta definizione, attraverso una navigazione semplice e fluida che permette di muoversi attraverso il museo.

Un’esperienza a 360 gradi in cui si potrà ammirare i dettagli delle opere, ma anche leggere la scheda dell’opera e consultare un testo narrativo. Si può cliccare direttamente sulla sezione opere per scoprire tutti i capolavori esposti oppure si può fare una ricerca per museo, per sala o per genere.

Oltre al tour virtuale il museo fiorentino offre altre due modalità di visite da remoto: le ipervisioni e le fabbriche di storia. Le ipervisioni sono approfondimenti tematici, mostre dedicate a Dante, all’iconografia della Pasqua, agli angeli della storia dell’arte, a un preciso autore, un personaggio storico oppure a uno specifico tema artistico. Mentre le fabbriche di storia sono file audio che raccontano 12 capolavori del museo permettendo al visitatore di immergersi totalmente nell’esperienza museale.

 
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Edoardo Romagnoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it