E' possibile perdere la verginità con un ditalino?...

E’ possibile perdere la verginità con un ditalino?…

Salve, sono Silvia ho 17 anni e mi son già rivolta a voi per un vecchio “problema”.
Quello nuovo è avvenuto ieri sera, il mio ragazzo mi ha fatto un ditalino, più in profondità rispetto al solito, e quando ha tirato fuori le due dita, abbiamo visto che erano sporche  di sangue..
premetto di essere vergine e lontana dal mio periodo di ciclo mestruale, ma da quanto successo, secondo le mie modeste conoscenze, ieri sera ho perso la verginità!
È possibile perderla in questo modo?
In più è da ieri sera dopo la perdita (non eccessiva) di sangue che mi fa male la pancia nella zona del basso ventre (sarà una mia impressione ma mi sembra un po gonfietta) , e che nelle mutande trovo delle piccole perdite rossastre.. È tutto normale o c’è qualcosa su cui devo preoccuparmi?
Attendo vostri chiarimenti.
Buona domenica e inizio settimana!

Anonima, 17 anni


Cara Anonima,

potrebbe succedere che qualsiasi oggetto (anche le dita, quindi) inserite in profondità nella vagina possa far perdere la verginità. Spesso non c’è una completa rottura dell’imene ma solo una piccola lesione, con conseguenti perdite ematiche. L’imene è un tessuto abbastanza elastico e non è detto che si rompa nemmeno con un rapporto completo, questo dipende dalla sua forma e soprattutto dalla elasticità.

E’ difficile poter fare una diagnosi precisa online, per valutare se c’è stata una completa rottura dell’imene è necessaria una visita medica. Le macchie potrebbero essere connesse alla lesione dell’imene ma se vedi che queste perdite continuano, potrebbe essere utile approfondire con un ginecologo di fiducia. Magari soprattutto durante periodi di forte stress il ciclo ha delle oscillazioni creando quindi delle irregolarità nel flusso con anticipazioni, ritardi o spotting.

Torna a scrivere se hai altri dubbi…

Un caro saluto!

Autore: L'èquipe degli esperti
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it