Appena sveglio ero molto eccitato ma durante il rapporto si è afflosciato …

Salve, vi ho trovato per caso su internet, mentre giravo in cerca di risposte ad un problema che si è presentato oggi è mi sembrate molto affidabili e abbastanza competenti. Praticamente stamattina appena sveglio ero abbastanza eccitato e la mia ragazza vicino a me. Partirò dal presupposto che è la mia vita per me e non la cambierei per nessun’altra persona al mondo e la amo tantissimo, e solo con lei mi eccito e vado in erezione, abbiamo incominciato l’atto sessuale che è durato tanto (non dura mai così tanto,troppo troppo lungo). Io non sono riuscito a venire e si è afflosciato, c’è da dire anche che ci sono state delle piccole distrazioni, mi è uscito un po’ di sangue dal naso ed ho continuato e il cane ha fatto la pipì per terra. Piccolezze diciamo, adesso ci abbiamo riprovato poco fa ed è successo di nuovo, e non c’era nessuna distrazione, però durante l’atto pensavo sempre di non farcela nuovamente, così abbiamo deciso di finire manualmente mentre ero a “mezz’asta”. Premetto che non faccio niente da solo (Masturbazione), posso avere qualche consiglio, appoggio perché non so proprio a chi rivolgermi e non so cosa pensare. Attendo una vostra risposta.
Grazie.

Antonio


Caro Antonio,
grazie per la fiducia che hai riposto nel nostro servizio, speriamo di essere di aiuto.
L’eccitazione sessuale maschile è un processo complesso che coinvolge il cervello, ormoni, emozioni, nervi, muscoli e vasi sanguigni. La disfunzione erettile può derivare da un problema relativo ad uno qualsiasi di questi fattori, allo stesso modo lo stress può causare o peggiorare il quadro complessivo.
A volte può succedere che non ci sia l’erezione nonostante il grande trasporto chimico e l’affetto verso la propria compagna, perchè i nostri umori possono influenzare il tutto. A volte si commette l’errore di pensare all’atto sessuale solo come un bisogno chimico e fisiologico ma anche l’aspetto emotivo è fondamentale come la capacità di lasciarsi completamente andare.

Ci sembra di capire che nel primo episodio, alcune distrazioni, per quanto rimaste sullo sfondo, sono state probabilmente elementi di disturbo che non ti hanno permesso di lasciarti andare completamente. Mentre nel secondo episodio, la preoccupazione di sbagliare, di non sentirsi adeguato, di non corrispondere il piacere potrebbero aver creato un vero cortocircuito emotivo e quindi inibito la tua prestazione.
Per parlare di un disturbo è necessario che si verifichi nel tempo questa disfunzionalità in maniera continuativa e non ci sembra sia il tuo caso.
Cerca di stare tranquillo e di tornare a vivere la vostra intimità con la stessa leggerezza e passione che vi ha contraddistinto fino ad ora. Non siamo robot per cui possono capitare dei momenti di defaillance senza questo dover comportare uno stato di allarme. Magari dare uno spazio maggiore ai preliminare può aiutarti a gestire meglio l’ansia.
Se dovessero esserci maggiori difficoltà, non esitare a confrontarti con la tua ragazza, non deve essere nè una colpa nè una vergogna ma insieme potrete trovare delle soluzioni o delle risposte.
Speriamo di essere stati di aiuto torna a scriverci qualora ne sentissi il bisogno.
Un caro saluto!  

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it