Carbonara al pomodoro, la ricetta del New York Times infiamma il web

Ancora una volta la prelibatezza della cucina italiana è stata maltrattata
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Ancora una rivisitazione disastrosa ai danni della Carbonara. Dopo lo scempio del canale YouTube francese Demotivateur del 2016, il piatto tipico della cucina italiana è stato nuovamente maltrattato. Questa volta è il New York Times a proporre una variante della pasta nostrana, aggiungendo alla ricetta originale i pomodori. La “Smoky Tomato Carbonara” (Carbonara al pomodoro affumicato) del quotidiano americano ha fatto il giro del mondo, portandosi dietro le ire del web.  Secondo quanto scrive il New York Times, i pomodori “non sono tradizionali nella carbonara, ma danno un sapore brillante al piatto”.

Il Carbonara Gate

Nel 2016 il canale Youtube francese Demotivateur pubblicava un disastroso video tutorial per la Carbonara che suscitò le ire del web.
Secondo quella ricetta, per cucinare una buona carbonara bisognava mettere insieme una cipolla a pezzi, pancetta a tocchettini e farfalle Barilla in un’unica padella da scaldare con l’aggiunta di acqua.
Il pappone andava poi condito con crema, pepe, parmigiano, erba cipollina e spezie varie.
E per finire il colpo di grazia: un uovo crudo sopra prima di servire in tavola…

La ricetta fece il giro del mondo e scatenò un clamore mediatico, tanto che Barilla, chiamata in causa nel video tutorial, si dissociò da quanto mostrato nelle immagini.
In risposta, l’anno seguente, fu lanciato il Carbonara Day, che ogni 6 aprile celebra la vera pasta alla Carbonara italiana.

La pasta alla Carbonara

Diffusa nella zona di Roma e nel Lazio, la paternità della carbonara resta un mistero.
La ricetta si basa su tre ingredienti fondamentali: uovo, guanciale e pecorino.

Esistono moltissime varianti, come aggiunta di pepe o pancetta al posto del guanciale, o parmigiano al posto del pecorino.

Si usa come condimento per la pasta lunga, in particolare gli spaghetti, ma sono ammessi anche alcuni tipi di pasta corta, come i rigatoni.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it