Pillole di stile |Zayn Malik ed il suo stile ribelle

La star è l’esempio evidente di come le contaminazioni culturali arricchiscono e generano stili interessanti e unici
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

 

ROMA – Nato a Bredford, in Inghilterra nel 1993, da padre pakistano e madre inglese, Zayn Malik è l’esempio evidente di come le contaminazioni culturali arricchiscono e generano stili interessanti e decisamente unici. Membro del gruppo One Direction creato nel 2010 a tavolino dagli autori di XFactor Simon Cowell e Nicole Scherzinger, Zayn riesce a distinguersi al suo interno, per il vasto tenore vocale ed in particolare, la tecnica di canto belting, che gli permette di raggiungere delle note particolarmente alte con la sua voce.

Nel 2015 decide di lasciare il gruppo per lanciarsi come solista registrando con successo il suo primo album ‘Mind of mine’ ed il resto è storia che tutti conosciamo. La sua musica è contaminata da stile urban, r&b, hip hop, reggae, neo-soul ed electronic dance music e come è facile immaginare, anche il suo look è un mix urban, rock anni’70, gipsy, con molto vintage, pelle e preferenze per tonalità perlopiù scure che gli è valso il riconoscimento da parte del magazine GQ inglese di “most stylish man of the year 2017”.

Il suo modo di vestire Zayn lo ha pubblicamente delegato ad uno degli stylist più in vista del momento di nome Jason Rembert, noto per promuovere gli stilisti emergenti ed ammirato per la sua abilità nel combinare sensibilità classiche ad elementi moderni. Rembert è stato il protagonista dietro le quinte dell’outfit di spicco di Zayn in completo classico nero con armatura alle braccia sfoggiato al met gala 2016 e in perfetto tema della serata ‘Manus x machina’. Un vero successo di critica e di pubblico. Lo stesso stylist ha, in generale, definito lo stile Malik come “estremamente se stesso. Dai cappotti alle t-shirts, è tutta una collaborazione. Non vuole essere troppo fashion, vuole essere virile e pulito. Parliamo dei look, della direzione che vuole prendere, di ciò che gli piace al momento e poi si decide”.

La verità di tale affermazione la ritroviamo anche nei continui e mutevoli tagli e colori di capelli: un vero cult per Malik. Dal rosa, al biondo, corto o lungo non importa. Zayn non ha paura di osare e di cambiare con profonda consapevolezza e disinvoltura. Sembra quasi che voglia evitare di essere etichettato in qualche forma o maniera.

Elementi ricorrenti nei suoi più popolari outfits sono: jeans neri skinny, stivali e giacche in pelle nera, bombers e converse disegnate.

Il suo tratto ribelle lo ritroviamo anche negli outfits formali dove la cravatta non è accessorio contemplato nel look del cantante anglo-pakistano a cui preferisce una camicia interamente abbottonata su completi monocromatici Dior, Balmain, Valentino, Louis Vuitton, Richard James, Dsquared2, Tom Ford.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it