Le celebrità che dovresti assolutamente conoscere: David Gilmour

Ricorrenze, a modo nostro, per svelare alle nuove generazioni star e personaggi che hanno fatto la storia

Roma – “Piedi ben saldi alla terra e occhi in alto, verso il cielo (per sognare il futuro più bello)”. Questo viene spesso augurato alle nuove generazioni. Lo sguardo al passato però è passaggio obbligato. Per arrivare dove vorremmo, per aprire nuovi orizzonti, per crescere più ricchi e consapevoli. Tra gli spunti dove andare a vedere, sentire e ascoltare, ci sono personaggi e celebrità che non sempre (o non ancora) passano per le scuole o nelle università. E allora ecco chi, secondo noi, dovresti assolutamente conoscere. Il mese scorso era Gene Kelly oggi invece è David Gilmour.

CHI E’ DAVID GILMOUR (In 5 minuti)

Vivo e vegeto, David Gilmour il 6 marzo 2021 compie 75 anni. Cantautore, polistrumentista, compositore e produttore discografico, Rolling Stone lo ha inserito al 14° posto nella lista dei chitarristi migliori di sempre. Lo festeggiamo in cinque minuti: Diletta Parlangeli, giornalista e autrice per radio e tv, ci svela tra aneddoti bizzari e incontri pazzeschi alcune cose da sapere e da ascoltare.

DALLA SWINGING LONDON AI PINK FLOYD 

Probabilmente David Gilmour si è trovato nel posto giusto al momento giusto. Era il 1968 e il fermento di Londra (la Swinging London) faceva scuola nel resto del mondo. Musicista e squattrinato, Gilmour faceva il driver e ogni tanto posava per un fashion designer. I club, le feste e il giro degli artisti lo hanno portato verso i Pink Floyd, band britannica destinata a rimanere immortale che ha rotto gli schemi del linguaggio musicale. Era anche il periodo delle droghe sintetiche e l’allora leader del gruppo, Syd Barrett, iniziava a vedersela brutta. Ecco dunque il ‘cambio’ in corsa: Gilmour prese il suo posto nei Pink Floyd, diventando insieme agli altri componenti, leggenda indiscussa della storia della musica. Ancora oggi le sperimentazioni sonore del gruppo sono guida e ispirazione per musicisti di ogni angolo del pianeta. Il sound della chitarra di Gilmour è un marchio di fabbrica esportato in tutto il mondo e dal quale nessun chitarrista può in alcun modo prescindere. The Dark Side of The Moon, Wish You Were Here, The Wall, sono solo alcuni degli album entrati nel mito. E per chi volesse studiare ci sono un’infinità di approfondimenti sul web e in libreria dedicati alla musica che nasce dalla ‘scuola Pink Floyd’. Le vicissitudini, come in ogni band che si rispetti, non sono mancate. Per mettere a fuoco indoli e attitudini, il suggerimento è leggere: “David Gilmour & Roger Waters. Le origini, i Pink Floyd, le carriere soliste” (Nino Gatti e Stefano Girolami, Hoepli 2020).

DAVID GILMOUR SOLISTA

E in quanto a Gilmour solista sono quattro gli album da ascoltare, più il recente singolo del 2020 ‘Yes I Have Ghosts’. Con 877 mila follower su Instagram e 2 milioni e mezzo di like sulla fan page di Facebook, Gilmour è ancora oggi una certezza per i fan. E allora: buon compleanno David Gilmour! A chi legge invece, auguriamo che i nostri 5 minuti di video e lettura possano portare verso ore, giorni, mesi e anni di splendida musica.

2021-03-05T15:27:21+01:00