Ritorno alla terra con l’istituto Redi di Paternò | VIDEO

La dirigente: "Valorizzare produttività nel rispetto della sostenibilità ambientale"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

CATANIA – Si chiama ‘Agricoltura, sviluppo rurale, valorizzazione dei prodotti del territorio, gestione delle risorse forestali e montane’ ed è l’indirizzo dell’istituto d’istruzione superiore ‘F. Redi’ di Paternò (Catania). Diregiovani.it, media partner del contest ‘Agristudents 4 Future‘ promosso da Citynews, ha intervistato Giuseppa Morsellino, la dirigente scolastica della scuola che si trova nel territorio pedemontano dell’Etna.

“Una denominazione complessa, quella del nostro istituto- spiega la dirigente– perché ambizioso diventa l’obiettivo. Si tratta di un istituto che, finalmente, si sgancia da quella visione riduttiva, che lo poneva come il luogo di chi va a lavorare la terra, diventando la scuola di chi ama la terra e ne vuole valorizzare la produttività, nel rispetto dei vincoli della sostenibilità ambientale, della qualità e della tutela della biodiversità. Tutti obiettivi che, a livello mondiale, diventano premianti e urgenti da conseguire, è in gioco il futuro dell’intera umanità”.

Gli studenti del ‘Redi’ sono impegnati in laboratori aperti:

“Grazie ad un accordo– prosegue la preside Morsellino- tra il nostro istituto, l’istituto comprensivo ‘G. B. Nicolosi’ di Paternò, e l’amministrazione comunale, ci è stata assegnata un’area verde all’interno del ‘Nicolosi’ per promuovere tra i ragazzi una coscienza ambientale profonda con la realizzazione di un orto urbano, in cui coltivare prodotti orto-frutticoli da re-distribuire, a corto raggio e senza scopo di lucro, alle famiglie del territorio”. 

Tra i laboratori presenti all’interno dell’istituto, gioca un ruolo fondamentale quello di trasformazione agroalimentare:

“Il laboratorio rientra nella nostra offerta formativa- interviene Adriano Villa, professore di scienze agrarie- in cui i nostri ragazzi applicano le loro conoscenze curriculari. Producono prodotti pastorizzati e sott’olio. Un’attività che fa comprendere ai ragazzi anche il concetto di filiera, la trasformazione in sede e la commercializzazione con l’e-commerce e la vendita diretta sul territorio del prodotto finito, con la nostra etichetta ed il nostro marchio”.

L’istituto ‘Redi’ vive in stretta connessione con il territorio:

“La realtà, in cui ci troviamo- aggiunge Giuseppa Morsellino- è a vocazione agricola e, forse, questo momento potrebbe aiutarci a fare la differenza. Il settore della produzione agro- alimentare non si è fermato in emergenza sanitaria, la nostra scuola si pone in questo contesto come modello di opportunità di sviluppo, nell’attesa che la progettualità politico-amministrativa e, soprattutto, le capacità imprenditoriali private, riescano a sfruttare in pieno la forza-lavoro tecnicamente professionalizzata. Da quest’anno- conclude- offriamo anche un percorso di istruzione e formazione di secondo livello. Sono percorsi serali per adulti che intendono conseguire il diploma di agrotecnico. Abbiamo ricevuto tantissime richieste d’iscrizione e, tra loro, c’è chi ha già conseguito una laurea ed intende avviare un’azienda o entrare nel mercato agri-turistico. Un indicatore interessante, che mostra come questo settore si stia rimettendo in movimento”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Graziella Guglielmino
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it