L’istituto Pellico porta Chioggia nella realtà aumentata

Il progetto arrivato secondo al premio Scuola Digitale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La prima volta sul podio non si scorda mai. Ciò nonostante, l’Istituto ‘Pellico’ di Chioggia ha deciso di non accontentarsi del terzo posto conseguito l’anno scorso al premio ‘Scuola Digitale’, ed è tornata anche quest’anno a partecipare al concorso, collezionando un altro successo con il secondo posto nella fase provinciale, solo dopo la scuola di Jesolo. Un progetto, quello presentato al concorso, dal titolo ‘Chioggia da amARe’ che la conferma come una scuola all’avanguardia nel territorio e che, come scrivono gli studenti dell’Istituto Comprensivo Chioggia 1 nel loro articolo pubblicato su ‘La scuola fa notizia‘, si è posta l’obiettivo di “rivoluzionare il modo di valorizzare il nostro territorio dal punto di vista storico e culturale”.

Il progetto digitale, guidato dal professore Filippo Maretto ha permesso di materializzare, grazie all’uso della realtà aumentata, il campanile di Sant’Andrea con l’orologio da torre funzionante più antico del mondo, inquadrando semplicemente un codice QR con smartphone o tablet. “Tantissimi sono i beni della nostra città che potrebbero prendere vita dinanzi a noi o ad un qualsiasi turista”, osservano soddisfatti i ragazzi, sottolineando come questo progetto acquisisca un rilievo ancor maggiore in questi giorni, in cui sembra essere in cantiere la candidatura di Chioggia a capitale della cultura per il 2024.

Nel video di presentazione del progetto, l’IC Chioggia 1 ha ripercorso, sulle note del ‘Guillaume Tell’ di Rossini, le fasi salienti del lavoro: dalle riprese dal vivo del campanile, passando per la preparazione del modello in 3D con la definizione dei particolari e della resa cromatica, fino alla registrazione vocale, in lingue diverse, della guida all’opera, con tutte le informazioni da sapere sul campanile di Sant’Andrea Apostolo, nato con funzione di difesa, poi adattato a campanile nel 1200, fino al restauro nel 1912. Infine, il trasferimento nella realtà aumentata che permette ai curiosi, di osservare da vicino persino gli interni dello storico campanile che, a partire dal 2006, ospita anche il museo ‘Torre dell’orologio’, allestito lungo i suoi sette piani.

Alla premiazione dei 13 finalisti della fase provinciale, hanno preso parte anche rappresentanti della regione Veneto e di Unioncamere del Veneto, “a testimonianza di come la scuola e il futuro dei giovani cittadini siano fondamentali per tutti e del collegamento esistente tra il mondo della scuola e il mondo del lavoro”, ha affermato Benedetta Cautaia Maddalena, docente del Liceo Benedetti-Tommaseo, che ha ospitato virtualmente la premiazione, ringraziando il ministro dell’Istruzione “per credere nell’innovazione e supportare questa iniziativa nell’ambito del Piano nazionale per la scuola digitale, che sfida i ragazzi a diventare protagonisti del loro domani”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it