Profilattico e coito interrotto danno una copertura efficace?…

Buongiorno, sono una ragazza che soffre di ansia, dunque spesso rimugino più e più volte sugli stessi pensieri, che mi causano disagio. Ho avuto un rapporto sessuale protetto da preservativo, sin dall’inizio del rapporto stesso poiché ho smesso di prendere la pillola per accertamenti medici. Visto che sono una persona, come dicevo, estremamente ansiosa, mi sono preoccupata, nel mentre, di controllare che il preservativo non si sfilasse e rimanesse saldo all’attaccatura del pene del mio fidanzato. Inoltre, per evitare qualsiasi tipo di situazione spiacevole, visto che presumibilmente ero in fase di ovulazione (anche se non ne sono del tutto sicura), abbiamo praticato il coito interrotto, dunque lui ha eiaculato dopo 15 minuti abbondanti, fuori e tramite masturbazione. Inoltre il preservativo non sembrava danneggiato. Razionalmente mi dico che non abbiamo corso rischi, perché penso che nonostante il periodo fertile, profilattico + coito interrotto diano una copertura abbastanza efficace, ma ho paura che ci sia qualcosa che mi sfugga come magari il liquido pre- uscito dal preservativo , oppure qualche micro lesione al preservativo di cui non ci siamo accorti. Inoltre, prima di iniziare il rapporto vero e proprio, per sbaglio lui ha toccato il mio inguine con il suo pene, ma si è spostato subito, per andare ad indossare il profilattico. Il mio ciclo non è molto regolare (ad aprile mi sono arrivate le mestruazioni due volte: una prima volta il 3 aprile e una seconda il 29), e al momento ho un forte mal di pancia che dura da qualche giorno. Vorrei sapere cosa ne pensate, grazie!

Sarah, 23


Cara Sarah, 
da quello che ci racconti nonostante tu fossi nel periodo fertile avete utilizzato tutte le precauzioni necessarie per non incorrere in rischi indesiderati. Avete protetto il rapporto dall’inizio, non ci sono state lesioni e l’eiaculazione è avvenuta fuori e in un secondo momento. L’episodio iniziale al rapporto non desta alcuna preoccupazione.
Hai sottolineato più volte di come l’ansia sia abbastanza pervasiva e ti faccia sentire spesso in uno stato di allerta costante. Probabilmente l’area dell’intimità diventa lo spazio per concretizzare timori e ansie che a volte facciamo fatica a gestire.
Ci sembra di capire che ti sia già attivata con il tuo ginecologo per approfondire la natura di queste irregolarità, siamo sicure che avere maggiori informazioni ti aiuteranno anche a gestire meglio questi momenti di ansia.
Lo stress inoltre è uno dei fattori che maggiormente incide sulle irregolarità del ciclo portando ritardi, spotting, anticipazioni.
Se lo stato di ansia e stress diventa persistente potresti anche pensare di rivolgerti ad uno esperto psicologo in modo da trovare strumenti utile nella gestione di questi momenti di panico e che possa valorizzare anche le tue risorse.
Un caro saluto!

 

2021-05-26T11:50:08+02:00