‘Strappare lungo i bordi’, la serie di Zerocalcare fa arrabbiare la Turchia

Per 12 ore Michele Rech sarà il social media manager di Netflix

23 Novembre 2021

Da giorni in testa alle classifiche delle serie più viste e nei trend social, ‘Strappare lungo i bordi‘ scavalca i confini nazionali e crea scompiglio in Turchia. Ad agitare le acque, secondo il quotidiano Sabah.com, è la bandiera del Pkk appesa alla porta del protagonista della serie. Il simbolo del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, considerato ormai da Ankara un’organizzazione terroristica, non è piaciuto ai turchi che da 40 anni combattono contro la richiesta di indipendenza del Kurdistan, tanto da definirlo uno scandalo.

D’altronde non bisogna dimenticare che la causa curda è un tema molto caro a Zerocalcare, all’anagrafe Michele Rech, che ad essa ha dedicato anche la graphic novel ‘Kobane calling’.

Netflix affida i suoi social a Zerocalcare

Visto il grande successo (quasi inaspettato verrebbe da dire) della serie, Netflix ha deciso di affidare i suoi social per 12 ore a Zerocalcare: “Ciao, qui @zerocalcare. Siccome si sta parlando un sacco di #StrappareLungoIBordi (grazie mille, davvero, non me fate diventà emo perché poi è stucchevole e mi vergogno), non si è reso necessario scrocchiare la pillola di cianuro che tengo nel molare cavo, anzi, Netflix mi ha detto: ‘Famo che per 12 ore usi tu i nostri social e ci fai quello che te pare'”. Inizia così il post pubblicato su Instagram da Rech che continua: ” Allora, posto che ovviamente NO, non è vero che ci posso fare quello che mi pare—è un modo di dire fraudolento quindi non mi chiedete di usare st’account pe fa’ gli auguri a zia o promuovere vendette private perché non me lo fanno fa’—ho pensato che, invece di farvi ancora una capoccia così con la serie mia, magari poteva avere senso usare queste ore per segnalare un po’ di cose che mi sono piaciute e che magari qualcuno non ha visto. Tanto la parte ‘farvi una capoccia così con la serie mia’ ci sarà comunque, perché più tardi nelle stories ci sarà un momento in cui mi si può chiedere tipo “mi disegni ‘sta cosa” e io la devo disegnare, insomma poi spiego bene ma non se sfugge. Se non me reggete più, pensate che sono gli ultimi colpi di coda di questo gigantesco mosasauro che è la promozione di ‘sta serie, poi passa”.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Netflix Italia (@netflixit)

2021-11-24T10:31:03+01:00