Ho preso la pdgd che credo sia stata la causa di perdite ematiche…

Ciao… Mi chiamo Veronica… Ho 17 anni e il primo giorno dopo le mestruazioni (08/02/2009) ho avuto un rapporto a rischio con il mio ragazzo. Il pomeriggio seguente, prima delle 24 ore, ho preso la pillola del giorno dopo che il 14/02/2009 credo sia stata la causa di perdite ematiche, durate due giorni. Oggi però è l’11 Marzo e le mie mestruazioni, che dovevano arrivare il 2 Marzo ancora non si sono presentate. Quanto rischio corro di essere rimasta incinta?? Vi prego aiutatemi… in questi giorni sono nervosissima…anche se so che non dovrei… Grazie a tutti… Baci.

Veronica, 17 anni


Cara Veronica,
capiamo la tua preoccupazione, ma ti consigliamo di tranquillizzarti. Da quello che ci dici, il momento in cui hai avuto il rapporto non sarebbe dovuto coincidere con il tuo periodo ovulatorio. Come puoi immaginare, ogni donna ha un ritmo di ovulazione specifico e, a volte, risulta difficile individuarlo. Se può farti stare più tranquilla, puoi fare un test di gravidanza, in modo tale da toglierti ogni dubbio.
In conclusione ti possiamo consigliare di cercare di essere più tranquilla, visto che il tuo ritardo potrebbe dipendere, oltre che dallo sbalzo ormonale che hai subito con l’assunzione della pillola del giorno dopo, anche dal tuo stato d’ansia. Ti consigliamo, comunque, di usare la pillola del giorno dopo solo come contraccettivo d’emergenza, perchè altrimenti ti porterebbe ad avere degli effetti collaterali indesiderati oltre che pericolosi per la tua salute.
Se nei prossimi mesi dovessi avere ancora dei ritardi o delle oscillazioni insolite del ciclo, ti consigliamo di rivolgerti ad una ginecologa per una visita di controllo. Se non ne hai una di fiducia, puoi dirci dove abiti e ti indicheremo il Consultorio a cui potrai rivolgerti gratuitamente.
Cara Veronica ti salutiamo e ti inviamo a contattarci nuovamente per qualsiasi altro dubbio o perplessità.
Un caro saluto!

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it