Ho sentito parlare ultimamente di queste cosiddette "false mestruazioni"" e di donne che hanno avuto addirittura il ciclo e si sono accorte dopo di essere incinte..."

Ho sentito parlare ultimamente di queste cosiddette “false mestruazioni”” e di donne che hanno avuto addirittura il ciclo e si sono accorte dopo di essere incinte…”

Buongiorno… ho sentito parlare ultimamente di queste cosiddette "false mestruazioni" e di donne che hanno avuto addirittura il ciclo e si sono accorte dopo di essere incinte…
sinceramente mi sono un poco spaventata, non ci si può tranquillizzare nemmeno con l’arrivo del ciclo?
Io sapevo che proprio perché non avviene l’annidamento vi è l’espulsione di sangue… In questo mese il ciclo mi è arrivato con sei giorni di ritardo e con diversi sintomi premestruali, e mi sto iniziando a preoccupare, sentendo tante cose. Mi date qualche delucidazione riguardo a questi fenomeni?
grazie!,

Cara Anonima,
effettivamente è possibile, in alcuni rari casi, che durante la gravidanza compaiano delle perdite ematiche che simulano una regolare mestruazione. Le perdite possono anche avere una cadenza regolare, simil mestruale, fino alla sedicesima settimana.
Se aumentano progressivamente fino alla comparsa del normale flusso durante le mestruazioni, allora è più probabile che si tratti del ciclo vero e proprio; se restano piccole perdite che poi si interrompono, possono essere dovute ad altro. Ad ogni modo, c’è da dire che è molto difficile che si verifichi un falso ciclo. Se pensi che il tuo ciclo sia anomalo, l’unico modo che hai per sapere con certezza se non sei incinta è fare il test, per vedere i livelli dell’hCG, che è l’indicatore della gravidanza.
Nel caso in cui le perdite e le anomalie del ciclo dovessero ripetersi ti consigliamo di rivolgerti al ginecologo per un controllo.
Restiamo a tua disposizione per ogni altra tua domanda!,Anonima,23-04-2009,Sessualit�,Spotting

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it