Dama, risultati scientifici dallo spazio

C’era una volta l’astronauta. Ora c’è lo scienziato in remoto, l’inviato nello spazio al seguito degli esperimenti terrestri. Sulla stazione spaziale internazionale si fa così: il cosmonauta non è solo il trasportatore degli strumenti e dei progetti, ma è anche colui che poi ne seguirà il funzionamento e l’evoluzione. Il futuro è questo. Ma sarà altrettanto interessante indagare le frontiere della scienza spaziale con APE, ASIA, BIOKIS, ENOS, NIGHT VISION e FOAM. Acronimi, ancora. Che nascondono esperimenti molto particolari.

Nelle News: 100 foto dalle Hawaii contro i terremoti – Sì, la luce è più veloce dei neutrini – 20 anni di astronauti italiani




Autore: Ishi
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it