Infinity Tower: il grattacielo invisibile

Infinity Tower: il grattacielo invisibile

Di solito gli architetti si sforzano di rendere i loro progetti il più visibili possibile, questa volta invece GDS Architects, studio di architettura con sede a Pasadena, Seoul e Taipei, punta all’invisibilità con la sua Infinity Tower: una struttura di vetro di 450 metri di altezza che, attraverso l’uso di LED e telecamere ottiche appositamente posizionati, creerà l’illusione di scomparire grazie ad una pelle riflettente sull’edificio di cui David Copperfield andrebbe fiero.


L’azienda ha trovato ispirazione nello spirito progettuale di Louis Kahn, uno degli architetti più influenti del XX secolo. Charles Wee, Principal Design presso GDS Architects dice: “Piuttosto che cadere vittima di cercare di competere con i grandi punti di riferimento iconografici del mondo o sviluppare un’altra versione della torre di osservazione più alto, la nostra ispirazione e motivazione è stata rappresentareil potere di ‘assenza’ e la forza del ‘nulla’ spesso evocate da Louis Kahn. “Kahn mirava a creare un’architettura che avesse la stessa monumentalità e spiritualità delle antiche rovine che aveva visitato in Grecia e in Egitto.


La torre è stata progettata esclusivamente per scopi di intrattenimento e sarà la seconda piattaforma di osservazione più alta del mondo con i suoi in 392 metri dal suolo (la piattaforma di osservazione più alta continuerà ad essere la Torre Cantone nel Guangdong , in Cina, che si trova a 488 metri slm). Oltre ad avere l’onore di essere la prima torre ‘invisibile’, la Infinity Tower sarà anche tra i 10 edifici più alti del mondo, superando di cinque volte la Statua della Libertà, che Copperfield notoriamente fece sparire nel 2009.


Con l’obiettivo di fornire una più stimolante esperienza agli utenti, l’azienda ha introdotto anche uno scenario di “Viste dal mondo” negli ascensori della struttura: i viaggiatori verranno intrattenuti da panorami iconici degli edifici più alti del mondo in corrispondenza del livello a cui ci si trova. Michael Collins, Senior Associate presso GDS spiega: ” Gli utenti entrano nell’ascensore e si risale al livello di osservazione, inizia un’esperienza attraverso la quale tutte le pareti si trasformano in scenari simulati presso le corrispondenti altezze delle torri di osservazione e degli edifici più significativi di tutto il mondo. non è destinato a sostituire l’esperienza reale, ma a spingere le persone a recarsi in queste destinazioni del mondo e scoprire un interesse per le culture diverse dalla propria”.


Il nuovo progetto riguarderà oltre centomila metri quadrati di superficie da sviluppare, e comprenderà un parco culturale, un parco acquatico al coperto, un museo, attrezzature per il fitness e si spera sarà completato in tempo per i Giochi Asiatici del 2014, il più grande evento sportivo in Asia. [fonte]





Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it