fotogallery

Giappone, ecco i presunti resti di un Kappa, il leggendario demone dell’acqua

ROMA – Come i bambini occidentali sono terrorizzati dalle storie sull’Uomo Nero, così i pargoli giapponesi sono spaventati dal Kappa, uno “yokai”, un demone dell’acqua delle leggende popolari.
Descritto come un mostro simile ad un piccolo uomo, abita stagni e fiumi ed è caratterizzato dalla pelle verde squamosa, piedi palmati, becco e una bolla d’acqua sulla testa.
Secondo la leggenda, i kappa sono creature dispettose, che spesso portano alla morte di chi li incontra affogando gli sventurati nell’acqua.
A differenza dell’Uomo Nero, però, c’è chi afferma di aver trovato ‘prove’ dell’esistenza del mostro, i resti delle ossa di una di queste creature, che in questi giorni sono esposti in una mostra in Giappone.

kappa mostro giapponese

Nel folklore giapponese, il Kappa salta occasionalmente fuori dalla sua tana acquatica per fare scherzi o attaccare le donne.
Il colore, la forma e le caratteristiche del mostro variano in base alle illustrazioni differenti.

kappa

Si ritiene che la creatura sia simile a quella scozzese ‘Kelpie,’ a quella scandinava Nakki e altri mostri analoghi, utilizzati nel corso degli anni per mettere in guardia i bambini sui pericoli del giocare vicino all’acqua.

115-00-001

115-00-001

Alcune persone in Giappone pensano che la leggenda del Kappa potrebbe essere basata sulla salamandra gigante giapponese, o ‘hanzaki’, una lucertola aggressiva che afferra la preda con le sue potenti mascelle.

Gli scienziati non sono riusciti a confermare l’esistenza della creatura, nonostante siano state scoperte numerose ossa sostenute appartenere al Kappa.

Una serie di resti mummificati, che sembrano mostrare una mano palmata e un piede, sono in mostra per la prima volta al Miyakonojo Shimazu Residence nella prefettura di Miyazaki, sull’isola di Kyuushuu.