fotogallery

Jamie Brewer, la prima modella con la sindrome di down a sfilare a New York

jamie brewerROMA – Jamie Brewer ha sfilato sulla passerella della Fashion Week di New York.
Una camminata che ha fatto la storia della moda.
Jamie, nota al pubblico come attrice nella serie American Horror Story, è la prima modella con la sindrome di down ad aver sfilato durante il più noto evento modaiolo.
La 30enne è stata il volto per la campagna di Carrie Hammer “Role Models Not Runway Models”, un progetto per promuove le donne vere, e rompere gli stereotipi della moda.
Già lo scorso anno la Hammer fece sfilare Danielle Sheypuk, psicologa in sedia a rotelle, per cui ha ricevuto talmente tanti complimenti e incoraggiamenti da decidere di continuare la sua campagna.
Femminile ed elegante, la prima modella con la sindrome di down ha sfilato a New York indossando un abito appositamente realizzato per lei.
“La serie tv in cui Jamie recita è cupa, spaventosa e cangiante così abbiamo scelto un abito nero che mette in risalto la sua vita sottile e le sue curve. L’abito è speciale anche per un altro motivo, forse lo indosserà la First Lady Michelle Obama”.

jamie-brewer-prima-modella-down

Jamie Brewer vorrebbe che il suo gesto fosse d’ispirazione alle donne: “Molte donne hanno molti lati nella propria personalità. Questo vestito lo sento mio e sono onorata di poterlo indossare. Spero di essere una fonte di ispirazione per le giovani ragazze e anche le giovani donne che, magari, mi guardano e pensano ‘Ehi, se ce la fa lei, posso farlo anche io’, perché è veramente importante per me poter essere un modello per le giovani donne e incoraggiarle a essere chi sono e mostrare cos’hanno dentro”, ha raccontato Jamie Brewer.