Perchè se iniziano a giocare d’azzardo poi non riescono a smettere?…

Perchè le persone che iniziano a giocare al gioco d’azzardo poi non riescono a smettere?

Massimiliano, 19 anni


Caro Massimiliano,
per prima cosa occorre specificare che non tutte le persone che iniziano a giocare al gioco d’azzardo vuol dire che ne siano dipendenti e che quindi non riuscirebbero poi a smettere. Tuttavia è vero che talvolta il gioco d’azzardo diventa un problema serio, cioè diventa patologico, e questo avviene quando assorbe parte rilevante della vita di una persona.
Il giocatore d’azzardo, che viene chiamato Gambler, può perdere il controllo del suo impulso al gioco. All’inizio è solo uno sfizio, un desiderio momentaneo che però può trasformarsi in un impulso irrefrenabile. In questi casi diventa di fatto, una dipendenza senza sostanze. Abbandonarsi al gioco per il gambler comporta un momento di grande piacere, in cui il tempo è come se si fermasse.  In generale possiamo dire che chi cade nella seduzione della trappola del gioco, spesso è accomunato da alcuni tratti come la mancanza di autocontrollo, la bassa autostima e la difficoltà nell’area della socialità. La vincita immediata, l’adrenalina del rischio invece potrebbero essere elementi che restituiscono al soggetto la sensazione di sentirsi vivo.
Il gioco potrebbe quindi diventare un bisogno primario, proprio come mangiare o bere. Per questo è importante che il gambler sia accompagnato, sostenuto ed indirizzato verso un supporto psicologico. Dietro a comportamenti inspiegabili il più delle volte si nasconde un dolore molto profondo, che spesso viene rimosso o eluso ma che ha bisogno invece di essere visto e metabolizzato affinchè l’individuo sia libero da ogni dipendenza.  

Sperando di aver chiarito i tuoi dubbi, torna a scriverci se ne sentissi il bisogno.
Un caro saluto!

20 Aprile 2015