fotogallery

Dragon Ball Super, dalle origini alla nuova serie

Dragon Ball ZROMA – Da quando fu pubblicato per la prima volta nel 1984 sulla rivista Shōnen Jump, Dragon Ball ha riscosso un successo dopo l’altro, senza arrestarsi un attimo.
Concluso ormai da quasi 20 anni, il mondo sembra proprio non potere farne a meno di Goku & co: dopo la riedizione in alta definizione della serie animata della saga Z, ovvero Dragon Ball Kai (2009-2011), è stato annunciato il ritorno dei Saiyan con un anime tutto nuovo.
Sarà il turno di Dragon Ball Super (Chou), che da luglio irromperà sul canale giapponese Fuji tv, con un’avventura inedita ambientata dopo l’epica battaglia contro Majin Bu e scritta appositamente da Akira Toriyama.
Il mondo ne aveva proprio bisogno?
Certamente!
Dragon Ball è un anime senza tempo, che ha tenuto compagnia a diverse generazioni, mettendo d’accordo grandi e piccini.

dragon-ball-super-nuova-serie-anime-akira-toriyama

Dragon Ball GT non ha riscosso grande successo.
L’abbiamo visto tutti, ovviamente, ma il calo di livello rispetto alla serie Z – con tutti i suoi difetti – è stato evidente.
Hanno riprovato a dar nuova linfa all’anime proprio con il reboot di quest’ultima, con Dragon Ball Kai, serie in alta definizione più fedele al manga originale e quindi priva di filler e combattimenti interminabili.

dragon ball

Ma è stato soprattutto con gli ultimi film cinematografici che Dragon Ball è rinato dalle sue ceneri.
La Battaglia degli Dei, l’ultimo adattamento per il grande schermo dell’epica saga, uscito in Giappone nel 2013 è stato un successo mondiale, a cui ha contribuito anche la progettazione affidata alle mani di Akira Toriyama.
Il lungometraggio animato si svolge tra i capitoli 517 e 518 del fumetto, il periodo che corrisponde ai 10 anni successivi alla fine della battaglia contro Majin Bu.
In Italia è stato un evento: vedere Goku & co al cinema è stata un’esperienza esaltante per una bella fetta di fan.

dragon ball z la battaglia degli dei cinema

Riassumere 30 anni di Dragon Ball è quasi impossibile.
La saga ha un ritmo serrato, non stanca, non ha mai stancato.
Il Red Ribbon, l’organizzazione sconfitta in giovane età da Goku per poi ritorna nella saga di Cell, l’avventura sul pianeta Namec, dove assistiamo all’epico scontro con Freezer e alla nascita del primo Goku Super Saiyan (probabilmente la migliore delle saghe), la continua sfida di Vegeta che esploderà nella sga di Majin Bu, quando il principe dei Saiyan ammetterà la superiorità dell’eterno rivale, e non dimentichiamo il mitico Torneo Tenkaichi, sempre presente in un modo o nell’altro per gran parte della storia e che metterà la parola “fine” proprio il manga.