fotogallery

Leggendario ‘serpente marino’ spiaggiato in California

ROMA – Un enorme pesce remo di quasi 4 metri di lunghezza è stato ritrovato su una spiaggia un’isola del sud della California.
Si tratta di una creatura misteriosa simile ad un serpente che nuota in profondità abissali.
In passato, i suoi rari avvistamenti hanno ispirato le leggende sui mostri marini.
I pesce remo sono d’interesse per gli scienziati perché vivono in una parte dell’ecosistema marino abbastanza sconosciuto, la zona mesopelagica oceanica, tra i 200 e i 1.000 metri sotto la superficie.

pesce-remo-serpente-marino

Nonostante i suoi 4 metri, non si tratta dell’esemplare più lungo mai scoperto.
Nel 2013, ad esempio, è stato trovato sempre in California, un pesce remo di quasi 6 metri di lunghezza.
Ci sono volute 15 persone per trasportarlo a riva.
(GUARDA LA FOTO IN BASSO)

pesce remo serpente marino

Il “remo”, o Regalecus glesne, è il più lungo dei pesci ossei nel mare, con una lunghezza massima che può raggiungere 15 metri o più.
Poiché nuota negli abissi a circa 1000 metri di profondità, gli avvistamenti di creature simili sono rari e per questo sono poco studiati.

pesce remo

Il pesce remo è stato scoperto nel 1772 dal biologo norvegese Peter Ascanio.
E’ conosciuto in Europa come il “re delle aringhe” e, come l’altrettanto misterioso calamaro gigante, ha ispirato i racconti di mostri marini.

pesce remo serpente marino

Nel 1996, un gruppo della Marina Militare ha trovato un lungo pesce remo di 7 metri vicino San Diego, California.

pesce remo

In Giappone, le apparizioni di pesci remo sono considerate come un cattivo presagio.
Poco prima del terremoto di Tohoku e dello tsunami del 2011, circa 20 esemplari sono stati trovati morenti sulle spiagge giapponesi, come se questi pesci avrebbero potuto sapere che il cataclisma stesse arrivando.
LEGGI ANCHE: Il mistero del ‘serpente marino’ trovato in California: è presagio di un terremoto?

pesce remo

Nel 2013 è stato filmato nel Golfo del Messico un esemplare di 2 metri nuotare nel suo ambiente naturale ad una profondità di 111 metri.
Si tratta del primo video in cui il pesce leggendario appare con chiarezza.