fotogallery

Le zanzare ti perseguitano? Ecco come evitare le punture

zanzare perche pungonoROMA – L’estate è arrivata, almeno per quanto riguarda il caldo. E le zanzare.
Come ogni anno il tormento dei “zzz” notturni accompagnati ai fastidiosi pruriti arriva puntuale.
Siete tra coloro che l’estate vengono perseguitati dalle zanzare?
Sappiate che non siete soli. Almeno il 20% delle persone del mondo è la vittima prediletta delle fastidiose “succhiasangue”.
In attesa che la ricerca scientifica trovi un modo per estirpare dalla radice il problema, ci sono alcuni modi per evitare di diventare “vittime” delle zanzare.

1. REPELLENTI
Il primo metodo più comune è quello dei repellenti, spry o creme che siano.
Ormai sono comuni, se ne trovano di tutti i tipi.
Un trucco però per garantirne la massima efficacia è quella di spruzzare il repellente anche sui vestiti.
zanzare-evitare-punture
Oggigiorno, la maggior parte che si trova in commercio è adatta anche per gli abiti.
Una raccomandazione.
Quando si utilizza la protezione solare, applicare prima un repellente.

2. COLORI
zanzare perche pungono
Le zanzare sono attratte da vari fattori.
Tralasciando quelli su cui non possiamo realmente intervenire, come il DNA o il sangue (sembra che prediligano chi è 0 positivo), per evitare di attirare la loro attenzione
Le zanzare sono cromosensibili: individuano le prede grazie ai colori.
I più “pericolosi” sono quelli scuri, in particolare rosso, nero e blu.
Il suggerimento è quello di indossare colori chiari.

3. ACQUA
zanzare-evitare-punture
Le zanzare si riproducono in ambienti molto umidi.
A casa quindi, cercate di asciugare o scolare accuratamente tutte le fonti di acqua stagnante, come vasi, ciotole per gli animali, grondaie, scolo del condizionatore, etc…

4. ALIMENTAZIONE
zanzare-evitare-punture
Secondo alcune ricerche, mangiare certi cibi, in particolare gli alimenti che sono salati o ricchi di potassio, aumenta anche la quantità di acido lattico, uno dei “magneti” delle zanzare.
Per quanto riguarda il potassio, le più ricche fonti alimentari sono frutta e verdura, ma non si può sconsigliare di mangiarle.
Comunque, possiamo suggerire di scegliere mirtilli, mele, angurie, cetrioli, cavoli, peperoni verdi, che sono relativamente bassi di potassio, invece di patate, prugne, uva, spinaci e banane, che sono tutti particolarmente ricchi di potassio.
Consigliato mangiare aglio, cibi ricchi di Vitamine B1, limoni e lievito di birra.
Ah, a proposito di birra.
Se sei un’amante della bionda, è bene che tu sappia lo sono anche le zanzare.

5. AGLIO
zanzare-evitare-punture
A proposito di cibi, così come l’aglio è temuto dai vampiri, lo è anche per le comuni “succhiasangue”.
Il suo odore pungente è la chiave per mantenerle lontane.
Si ritiene che le zanzare percepiscano l’odore attraverso i pori della pelle e possa cambiarne il profumo naturale, rendendo più difficile per le zanzare rintracciare la vittima.
L’aglio si può mangiare regolarmente o sfregarlo crudo sulla pelle esposta.
Certo, poi insieme alle zanzare c’è un alto rischio adi allontanare anche gli esseri umani!

In breve: cosa attrae le zanzare?
zanzare-evitare-punture
Tante sono le caratteristiche che amano di noi.
– Sangue. E’ il responsabile principale. Uno studio ha scoperto che le zanzare prediligono alcuni gruppi sanguigni rispetto ad altri. Il più “gettonato” è Gruppo 0, mentre quello snobbato sembra essere il Gruppo B.
– Anidride carbonica. Più a rischio sono gli sportivi, i “cicciottelli” e le donne incinta.
– Acidi. Gli sportivi sono più bersagliati anche a cuasa della produzione di acidi: quello lattico e quello urico sono i più amati dalle zanzare. Anche quelli grassi, comunemente contenuti nei cosmetici.
– Pelle. Chi l’ha ricca di steroidi e colesterolo è la preda ideale per le zanzare.
– Batteri. Maggiore è la concentrazione e più ne saranno attratte. Quindi adesso potete capire perchè amino incondizionatamente piedi e caviglie.
– Birra. Fa aumentare il respiro e quindi la produzione di anidride carbonica, aumenta il calore del corpo e produce una maggiore sudorazione.
– Colori. Ricordatevi questa filastrocca: “Rosso, nero o blu e la zanzara ti ama di più!”