Il mito del temporale

Giacomo Ciuffi Scuola Primaria U. Saba Trieste I.C. Roiano Gretta

Tanto tempo fa, il cielo era buio e freddo e le persone non erano i felici perché non c’era il sole che gli scaldava. Quando le nuvole si scontrarono tra di loro, un grande rumore scoppiò nel cielo, scese all’improvviso la pioggia e una luce abbagliò il mondo: era il Temporale. Lampi, tuoni, fulmini, vento, saette invasero il pianeta Terra…
Dallo spavento tutte le persone si chiusero in casa, ma il vento sbatté forte sulle porte, sulle finestre e le imposte, spaccando i vetri, la grandine rimbalzò sull’asfalto e i tuoni fecero tremare i muri delle abitazioni.
Dopo cinque ore di panico, improvvisamente, il cielo si rasserenò, spuntarono il sole e l’arcobaleno, e per la felicità le persone andarono tutte al mare. Hanno capito che dopo il temporale viene sempre la luce.

Giacomo Ciuffi IIIA Scuola Primaria U. Saba Trieste I.C. Roiano Gretta

2016-01-25T16:21:39+01:00