fotogallery

Knock Knock, Keanu Reeves protagonista dell’horror di Eli Roth

ROMA – La coppia inedita formata da Keanu Reeves e Eli Roth approda questa sera in prima serata su Canale 5 con il film horror Knock Knock.
Dopo essersi fatto un nome con Cabin Fever e Hostel, Roth cambia rotta, passando dal gore-trash ad un mix tra thriller, horror e suspance.
Knock Knock è un’esperienza contrastante, remake del film “Death Game” del 1977, rimescolato con le caratteristiche dei grandi thriller-erotici moderni, come  Attrazione fatale e Basic Instinct (infedeltà maschile, promiscuità sessuale, etc..).
Roth questa volta abbandona di netto la violenza estrema dei suoi film precedenti (in ultimo il caso di The Green Inferno), a favore di un orrore più concreto e claustrofobico.

Knock Knock
Keanu Reeves interpreta Evan, un ex dj, ora architetto, che resta a casa a lavorare mentre la moglie (Ignacia Allamand) e i bambini sono in vacanza.
Tutto scorre tranquillo fino a quando bussano alla sua porta due giovani donne poco vestite e inzuppate dalla pioggia (Lorenza Izzo, Ana de Armas) con la scusa di essersi perdute.
Evan offre loro aiuto per chiamare un taxi, che però arriverà solo dopo 45 minuti.
Nell’attesa, dopo vari discorsi su sesso e poligamia, le due donne riescono a sedurre Evan, all’inizio restio a tradire la moglie ma che finirà per cedere alla tentazione.
Male, malissimo.
Inizierà per lui una lotta per la sopravvivenza, dove l’uomo da cacciatore, finirà per essere la preda…

knock knock

“Knock Knock” non è il film che ci si aspetta dal padre di Hostel, ma possiamo considerarlo un esperimento giocoso del regista.
Eli Roth o lo si ama o lo si odia, e forse questo film si apre di più verso quel pubblico che fino ad oggi lo ha etichettato negativamente come “Master Trash”.

Tuttavia, noi speriamo decida di tornare al genere che lo ha reso famoso…