Eclissi solare 2016 in Live Streaming grazie a Nasa e Slooh [VIDEO]

Purtroppo in Italia non sarà visibile. Lo spettacolo del Sole che diventa “nero” sarà pienamente visibile da Indonesia, Sumatra e Thailandia durante le prime ore del mattino e sarà solo parziale da Australia e Giappone. Per circa 4 minuti il disco solare sarà completamente coperto dal transito della Luna, che proprio in questi giorni sarà alla distanza minima dalla Terra, e l’evento di questa notte sarà l’unica eclissi totale del 2016. L’eclissi raggiungerà il culmine tra le 2:38 e le 2:42, ora italiana, e una delle prime città a poterne godere sarà Palembang. Appassionati e turisti stanno raggiungendo in queste ore le regioni interessate dall’eclissi ma per chi volesse comunque godersi lo spettacolo restandosene comodamente a casa, di seguito le dirette della Nasa e dell’Osservatorio Slooh di Paul Cox.

CLICCA QUI’ per vedere il CALENDARIO delle prossime ECLISSI e il REPLAY di questo affascinante EVENTO.



Eclissi Solare, un fenomeno ottico di oscuramento di tutto o di una parte del disco solare da parte della Luna visto dalla Terra che si verifica durante il novilunio. Si tratta di un evento piuttosto raro: Sole, Luna e Terra devono essere perfettamente allineati in quest’ordine; ciò è possibile solo quando la Luna, la cui orbita è inclinata di cinque gradi rispetto all’eclittica, interseca quest’ultima in un punto detto nodo. Quando il nodo si trova tra la Terra e il Sole, l’ombra della Luna passa in alcuni punti della superficie terrestre e si assiste a un’eclissi solare. Se invece il nodo si trova dalla parte opposta, si ha un’eclissi lunare.


Sarà l’unica eclissi totale del 2016. Si verificherà con la complicità della prima super luna dell’anno, una luna nuova che si troverà vicina al punto di minima distanza dalla Terra: per questo il suo disco apparirà più grande e agevolerà l’eclissi oscurando meglio il sole”, dichiara l’astrofisico Gianluca Masi.



“Lo spettacolo sarà come per tutte le eclissi totali di Sole molto bello, ma in Italia purtroppo non sarà visibile” spiega all’Adnkronos l’astronomo dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), Marco Galliani. “Il massimo del fenomeno cadrà nella notte, con il primo contatto previsto appena dopo la mezzanotte del 9 marzo, ora italiana” spiega.



L’astronomo Paul Cox dell’osservatorio Slooh, assieme a un team dell’Istituto di Astrofisica delle Canarie è già in Indonesia con telescopi e attrezzature per riprendere tutto l’evento e trasmetterlo in streaming.


Questa eclissi totale di Sole, aggiunge, “terminerà verso le cinque del mattino e dal punto di vista degli appassionati astrofili sarà uno spettacolo bellissimo“. Per gli scienziati, invece, aggiunge Galliani, “sarà un ‘evento di routine’ perché questa eclissi non avrà particolari peculiarità astronomiche“.

Il prossimo appuntamento con uno show astronomico, annuncia infine Galliani, “sarà il prossimo 1 settembre, quando nei cieli si verificherà una eclissi anulare di Sole“. “In questo caso – spiega l’astronomo dell’Inaf – lo spettacolo sarà più particolare perché il disco lunare non coprirà completamente il disco solare e, intorno al Sole, resterà come un anello intenso di luce“.


 

Per celebrare la Festa della Donna ci sarà anche l’asteroide 2013 TX68, con un diametro stimato di circa 30 metri, dovrebbe «sfiorare» la Terra all’1.06 di notte ad una distanza di 5 milioni di chilometri, dunque lontanissimo.”Non è escluso – precisa Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope – che possa passare più vicino, fino a 24.000 chilometri dalla superficie terrestre, ma si tratta comunque di una distanza di assoluta sicurezza per la Terra”.

Sempre per la festa della donna, Giove torna in opposizione oggi 8 marzo a partire dalle 12, ora italiana – continua Masi – Significa cioè che visto dalla Terra sarà in direzione opposta a quella del Sole. A mezzogiorno non potremo vederlo, ma il momento migliore per osservarlo sarà a mezzanotte, quando sarà a Sud, ben visibile e luminoso perché sarà in alto nel cielo’’. Giove raggiungerà quindi la minima distanza dalla Terra, la massima luminosità e il massimo diametro apparente per l’anno in corso.