Legalizzare la cannabis “può aumentare il ricavato delle casse dello Stato di un bilione di sterline”

Legalizzare la cannabis “può aumentare il ricavato delle casse dello Stato di un bilione di sterline”

marijuana_spinello_cannabisRoma – Stando ad un recente rapporto, dalla legalizzazione della vendita di cannabis si potrà ricavare addirittura un bilione di sterline in un anno e si potranno minimizzare i rischi di alcune malattie. Lo studio, commissionato dai Liberal Democratici e condotto da un gruppo di scienziati, accademici e capi di polizia, suggerisce che la droga dovrebbe essere venduta soltanto in negozi specializzati e a persone sopra i 18 anni di età. Il partito, si confronterà sull’argomento nella conferenza che si terrà entro la fine di questa settimana. Il portavoce della Salute del partito, Norman Lamb, ha affermato: ”Ogni anno bilioni di pounds vengono intascati dai capi della criminalità organizzata grazie alla vendita di cannabis. La polizia spreca moltissimo tempo e risorse cercando coloro che ne fanno uso.”

Il capo del partito Tim Farron, ha detto: ”Le varie leggi sulla proibizione della cannabis hanno fallito. Abbiamo bisogno di un nuovo e più intelligente approccio. Costituisce, in primis per la polizia, uno spreco di tempo cercare e arrestare chi ne fa uso. Un mercato legale ci permetterebbe di avere più controllo su quello che viene venduto e provocare un aumento considerevole nelle casse del nostro Paese.” Steve Rolles, che si occupa di problemi e politiche internazionali sulla droga dal 1998, ha affermato: ”La realtà è che milioni di persone in Inghilterra fanno uso di cannabis, e c’è un urgente bisogno per il Governo di prendere il controllo di questo tipo di commercio assolutamente illegale. Questa norma di legge sta avendo un buon riscontro e nei prossimi anni raggiungerà anche gli Stati Uniti. Non parliamo più di un dibattito teorico, i fatti più evidenti ormai puntano tutti in un’unica direzione.”

Fonte southwalesargus.co.uk

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it