attualita

YouTube è nato come sito di incontri

logo youtubeRoma – Molto prima che Tinder diventasse famoso, esisteva un sito poco conosciuto che cercava di interpretare il ruolo di Cupido tra le generazioni del tempo. Stiamo parlando proprio di YouTube. Quello precedentemente descritto, non è esattamente quello che vi viene in mente parlando del più grande sito di video, che apre le sue porte a bilioni di visitatori ogni mese.

Ma è proprio così che YouTube, acquistato da Google nel 2006 per 1.6 bilioni di dollari, ha iniziato la sua scalata verso il successo. “Abbiamo sempre pensato ad un sito con dei video, ma quale sarebbe potuta essere l’applicazione pratica?” ha detto il co-fondatore Steve Chen. “La scelta più ovvia era quella degli incontri.”

L’idea era quella della registrazione di video da parte di single per presentare se stessi e esporre cosa stessero cercando, ha detto Chen.  Dopo cinque giorni nessuno aveva inserito un singolo video, quindi lui e gli altri co fondatori, Chad Hurley e Jawed Karim, hanno dovuto apportare delle modifiche al sito. Tutti e tre, sapevano di avere tra le mani una piattaforma in cui era molto semplice per le persone caricare dei video e metterli online.

“Ok, lasciamo da parte l’aspetto degli incontri online,” ha detto Chen. “Apriamolo a qualsiasi tipo di video!”. Singolare, oltre alla sua funzione iniziale, è anche il giorno in cui è stato registrato il dominio del nome del sito, il 14 febbraio. “Eravamo solo tre ragazzi che non avevano nulla da fare il giorno di San Valentino,” ha detto Chen. Chiaramente il sito ha avuto molto successo, diventando un vero e proprio impero e lanciando la carriera di molte star, tra cui Justin Bieber, makeup artists tra cui Michelle Phan e il giocatore svizzero PewDiePie. Chen si trovava la scorsasettimana al SXSW con Karunamurthy, ingegnere del sito, per presentare la loro nuova creazione, Nom. Il servizio è un sito di video in tempo reale dedicati al cibo, in cui chef di tutti i tipi possono far conoscere le loro prelibatezze al mondo.

Fonte www.cnet.com