fotogallery

Google, gaffe clamorosa: il pesce d’aprile “Mic Drop” si trasforma in disastro

ROMA – Non tutti gli scherzi vanno nel verso giusto. Lo sa bene Google, “colpevole” di aver prodotto un grave disagio a milioni di utenti Gmail per un pesce d’aprile mal riuscito.
Big G è solita inventare ogni anno burle divertenti, ma questa volta lo scherzo “Mic Drop” ha destato la rivolta di milioni di persone.

google mic drop minions

Google ha lanciato per il 1° aprile nei messaggi di posta elettronica un nuovo pulsante “Mic Drop”, che inserisce automaticamente una GIF animata dei Minions nell’email inviata.
In realtà la funzione blocca ogni possibilità di risposta, dando all’utente l’ultima parola sulla conversazione in corso.

“Oggi, Gmail renderà più facile avere l’ultima parola nei messaggi di posta elettronica con Mic Drop. Basta rispondere a qualsiasi e-mail utilizzando il nuovo pulsante ‘Send and Mic Drop’. Il destinatario avrà il suo messaggio, ma anche se cercherà di rispondere, non ci riuscirà” ha spiegato Google quando ha lanciato il tasto del 1 ° aprile.

google gmail mic drop send

Potrebbe sembrare carino, ma il problema è che il pulsante è stato posizionato esattamente accanto al classico pulsante di invio.

Ma non è tutto. Alcune persone hanno riferito di aver incontrato un bug che (in alcuni casi) dava lo stesso effetto di Mic Drop anche utilizzando il tasto di invio normale.

Molti utenti – un po’ maldestri, però, diciamolo – hanno quindi inviato email importanti utilizzando quel pulsante, vedendo sfumare ogni possibilità di risposta dal destinatario.
In molti hanno dichiarato di aver perso contatti professionali importanti per colpa di Mic Drop, e c’è chi è insorto dichiarando di aver perso un’opportunità di lavoro!

In difesa di Google bisogna dire che la funzione fake è stata aggiunta solo per la versione consumer di Gmail, e non avrebbe modificato quella aziendale degli Google Apps.
Detto questo, è vero anche che molte persone usano la versione consumer nella loro vita professionale.

Comunque non sono tardate le scuse di Google.

“Beh, sembra che quest’anno ci siamo fatti autogol. 😟 A causa di un bug, la funzione Mic Drp inavvertitamente ha causato più mal di testa che risate. Siamo veramente dispiaciuti. La funzione è stata disattivata. Se la vedete ancora, si prega di ricaricare la pagina di Gmail”