tech

Tinder: per soli 5 dollari, grazie a Swipebuster, potrai sapere se anche il tuo partner usa la famosa chat di incontri

tinderRoma – Sei curioso di sapere se il tuo partner, tuo marito, il tuo fidanzato o chi per lui, usa Tinder? Per pochi dollari, potrai sapere se la persona in questione sta usando la famosa chat di incontri. Un nuovo sito, Swipebuster, ti permetterà di sapere se chi conosci usa Tinder. Tutto quello che dovrai fare è ‘sborsare’ 4.99$ e inserire le informazioni della persona che stai cercando, immettendo dati come il nome, cognome, età e la città da cui secondo voi ha usato Tinder l’ultima volta e il gioco è fatto.

Il sito, recupera i dati dall’Application programme interface (API) che contiene i dati di tutti i suoi utenti. “Ci sono troppi dati su molte persone di cui le persone stesse non conoscono la disponibilità. Non solo le persone non controllano ciò che mettono alla mercè di tutti, varie compagnie non fanno nulla per far sì che queste persone sappiano cosa stanno facendo,” ha detto il creatore di Swipebuster in un’intervista per Vanityfair. Swipebuster, originariamente chiamato Tinder Buster, ha dovuto recentemente cambiare il suo URL. “Molte persone rimarranno fregate, altre magari saranno più attente e Tinder capirà di dover proteggere il proprio API. La cosa positiva del nostro sito è che la compagnia in questione si renderà conto di dover proteggere i propri utenti e molte persone capiranno di dover pensare due volte prima di mettere i propri dati online. Crediamo, che tutto questo avrà un grande impatto,” ha aggiunto il creatore.

Il creatore di Swipebuster, conferma di non aver violato nessuna informazione o di aver effettuato accessi illegali. Ma, se Tinder dovesse decidere di proteggere il proprio API, la vita di Swipebuster arriverebbe al capolinea. Tinder, in una delle sue ultime risposta ha detto: “Le informazioni riportate sul sito, sono informazioni pubbliche, che gli utenti di Tinder hanno sul loro profilo. Se volete davvero sapere chi è su Tinder, risparmiate i vostri soldi per altro e scaricate la nostra applicazione gratuitamente!”

Fonte www.ibtimes.co.uk