esteri

Un uomo scopre un messaggio di Facebook in cui veniva avvisato della morte imminente di suo padre, tre anni dopo la sua morte

Roma – Un uomo, ha scoperto un messaggio nella posta ‘segreta’ di Facebook in cui veniva invitato a fare visita al suo papà che si trovava in gravi condizioni, tre anni dopo la sua effettiva morte. Michael Kendall, 29 anni, ha detto di aver perso la possibilità di poter salutare in maniera adeguata suo padre dopo aver scoperto lo straziante messaggio solo questa settimana. Il devastato Michael, di Rochdale, ha detto di aver interrotto malamente i rapporti con il padre, Ian, nel 2012. Così, non avendo ricevuto nemmeno un messaggio riguardante i suoi problemi di salute, al funerale Michael ha detto di essersi comportato ‘come se non gli importasse’. L’uomo, ha scoperto solo ora il messaggio riguardante la salute del padre, inviatogli dalla fidanzata del papà. Il messaggio è stato inviato nell’aprile del 2013, ed è rimasto nella ‘casella di posta nascosta’ di Facebook fino ad oggi, perché l’uomo non aveva come amica su Facebook la fidanzata del papà.

messaggio facebbok

Michael, ora sente di aver perso la possibilità di riconciliarsi con il suo papà. In un’intervista per M.E.N ha detto: ”Ho letto un articolo riguardante la posta nascosta di Facebook e ho trovato questo messaggio mentre stavo andando a lavoro. Quando l’ho letto mi si è spezzato il cuore. E’ triste pensare che abbia chiesto di me e che sia morto pensando che non mi importasse di lui, quando invece non è così.” Michael, ha detto che il suo rapporto con il padre si era inasprito a tal punto da dover cambiare città insieme a sua madre e sua sorella nel settembre del 2012. Michael non ha più avuto notizia del papà fino a quando uno zio non l’ha avvertito della sua morte. “Non volevo andare al funerale, ma mia mamma mi ha costretto, mi sono comportato come se non mi importasse. Se avessi letto il messaggio in tempo sarei sicuramente andato a trovarlo all’ospedale, avevo sempre sperato che lui si scusasse e mostrasse un minimo di rimorso.”

Fonte www.manchestereveningnews.co.uk