attualita

Proteste contro la legge HB2. Le star annullano i concerti in North Carolina

1 Bruce-Springsteen-a-Roma-il-14-maggio-per-il-boss-è-la-prima-europea-del-World-Tour-2016edited

Roma – La legge HB2 sulla privacy e la sicurezza nei servizi pubblici – Public Facilities Privacy and Security Act – prevede che le persone transgender non possano scegliere il bagno da utilizzare e debbano servirsi di quello del loro sesso di nascita. Dopo l’approvazione è scoppiato un vero e proprio caso, celebrità e personalità influenti si stanno schierando da diverse settimane a questa a favore della comunità LGBT americana. Proprio per questo sono sempre più numerosi gli artisti che per protesta stanno annullando i concerti in North Carolina. La legge è infatti per molti una grande sconfitta che annulla sforzi e battaglie combattuti in questi anni, così molte star internazionali si sono unite al dissenso popolare decidendo di non esibirsi negli USA. Il primo a cancellare il suo concerto è stato Springsteen agli inizi di aprile e dopo di lui anche l’ex batterista dei Beatles Ringo Starr ha preso la stessa decisione, scegliendo di non esibirsi a giugno nella Capitale Raleigh. Oggi i Pearl Jam hanno annunciato con dispiacere la loro assenza con un comunicato:La legge HB2 che è passata pochi giorni fa è un indegno pezzo di legislazione che incoraggia la discriminazione contro un intero gruppo di cittadini americani. Le implicazioni pratiche sono enormi e il suo impatto negativo su diritti umani basilari è profondo. Vorremmo che l’America fosse un posto dove nessuno possa essere cacciato da un’impresa a causa di chiamino o licenziati dal proprio lavoro per quello che sono. È per questo motivo che dobbiamo prendere una posizione contro il pregiudizio, così come hanno fatto altri artisti e uomini d’affari, e unirci a quelli che in North Carolina stanno lavorando per opporsi alla HB2 e riparare a un qualcosa di inaccettabile”. E dopo tanto clamore, si attendono nuove defezioni da parte di altre star in difesa della comunità LGBT.
Cyndi Lauper invece, da sempre icona del mondo gay, ha confermato la sua esibizione come gesto di solidarietà, dichiarando che non lasciare sole queste persone – adesso – è più importante che mai.

3 vedder-eddie-5006d2d5df982edited