salute

Parte campagna contro il fumo. Esci dal tunnel Non bruciarti il futuro

fumo WALCEROMA – Combattere il tabagismo e sensibilizzare la popolazione sui rischi per la salute derivati dal fumo. Questo l’obiettivo di Esci dal tunnel Non bruciarti il futuro. L’iniziativa promossa da WALCE Onlus (Women Against Lung Cancer in Europe), l’associazione europea dedita ai pazienti affetti da tumori toracici, presentata oggi all’Istituto Oncologico Veneto (IOV) IRCCS di Padova.  Il tour di oncologi e pneumologi prendera’ il via il 14 e 15 maggio da Padova, unica tappa del Nord Italia.

“Ogni anno solo il cancro del polmone provoca in Italia oltre 33mila decessi. Il consumo di ‘bionde’ e di altri prodotti a base di tabacco e’ il principale fattore di rischio che favorisce l’insorgenza della malattia. Con Esci dal tunnel Non bruciarti il futuro- afferma la prof.ssa Silvia Novello, Presidente di WALCE e docente nel Dipartimento di Oncologia Polmonare all’Università di Torino – vogliamo informare e mettere in guardia i cittadini di tutte le fasce d’eta’ e anche le istituzioni. Nonostante le leggi, sempre piu’ restrittive, nel nostro Paese ancora un italiano su cinque fuma regolarmente”.   Dalla tappa padovana di Esci dal tunnel. Non bruciarti il futuro del 2015 e’ derivato il progetto ‘Cinefumando’, dedicato alla sensibilizzazione sul tema del tabagismo nelle scuole mediante la visione e discussione di alcuni spezzoni di film.    Il progetto e’ stato realizzato nel Liceo Statale Cornaro e nelle scuole medie Donatello e Copernico di Padova da febbraio ad aprile 2016.   “Alla luce del successo conseguito dalla prima edizione, l’Amministrazione comunale sostiene con orgoglio questo progetto che vede oncologi e pneumologi dello IOV scendere in piazza contro i danni del fumo – osserva il presidente del Consiglio comunale di Padova, Federica Pietrogrande – Il compito di tutti noi e’ dunque quello di tenere alta l’attenzione su questo tema di vitale importanza per la salute, puntando sulla prevenzione universalmente riconosciuta come l’arma piu’ efficace nella lotta a tante patologie”.

“Le sigarette contribuiscono in modo rilevante anche a diversi tumori della testa-collo, dell’apparato digerente e uro-genitale – spiega il prof.re Pier Franco Conte, Direttore dell’Oncologia Medica 2 dello IOV e CoordinatoreEsci dal tunnel Non bruciarti il futuro tecnico scientifico della Rete Oncologica Veneta – Non dimentichiamo, poi, che sono responsabili anche di molti disturbi respiratori e cardiovascolari”. In totale sono oltre 50 le malattie gravi provocate dalle 4mila sostanze tossiche contenute in una sola ‘bionda’. È dimostrato scientificamente che interrompere per sempre il vizio puo’ ridurre addirittura del 50% il rischio di sviluppare il cancro. E non e’ mai troppo tardi per smettere. “Qui in Veneto – conclude Conte – il 18% della popolazione fuma regolarmente. Per questo il nostro Istituto ha deciso di sostenere la campagna Esci dal tunnel Non bruciarti il futuro”.  L’impegno dell’Istituto Oncologico Veneto, che si caratterizza per essere ‘a misura di donna’ nella campagna trova ulteriore motivazione nel fatto che il tumore del polmone e’ una patologia sempre piu’ ‘rosa’.

“Gli uomini sono ancora i piu’ colpiti ma i nuovi casi tra i maschi stanno diminuendo – prosegue il prof. Pier Franco Conte – Aumenta invece del 2,7% l’anno l’insorgenza della neoplasia tra le donne residenti in Italia. Alla base di cio’ c’e’ ancora, purtroppo, il fumo. Rispetto a qualche anno fa, infatti, il tabagismo sta crescendo tra le donne. Nonostante l’arrivo di nuove armi terapeutiche la malattia e’ ancora difficile da trattare e diagnosticare. Solo il 15% dei casi viene scoperto in fase iniziale, cioe’ quando le possibilita’ di cura sono maggiori. È bene, quindi, cercare di ridurre al minimo tutti i fattori di rischio iniziando con il buttar via per sempre la sigarette”.    Dopo Padova le prossime tappe dell’iniziativa di WALCE toccheranno Lecce, Messina e Roma. Esci dal tunnel gode del patrocinio dell’Istituto Superiore di Sanita’ (ISS), Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO), Fondazione Insieme contro il Cancro e la Societa’ Italiana di Chirurgia Toracica (SICT).

Esci dal tunnel Non bruciarti il futuro vuole informare a 360° tutta la popolazione, anche quella di origine straniera. ‘Sono una categoria di cittadini alla quale dobbiamo prestare sempre piu’ attenzione nei programmi di contrasto alle neoplasie- aggiunge la prof.ssa Silvia Novello- Negli ultimi due decenni il tabagismo e’ diminuito nei Paesi Occidentali. Nelle aree in via di sviluppo invece il vizio aumenta del 3% ogni anno. Sono le stesse zone geografiche dalle quali provengono la maggior parte degli immigrati che vivono nelle nostre citta’. Questa minore cultura della prevenzione li espone maggiormente al pericolo di cancro’. Esci dal tunnel. Non bruciarti il futuro e’ resa possibile grazie al contributo di Lilly, Roche, Bms, Pfizer e Msd, conclude Walce Onlus.